General News,  Outlander

La Guida per sopravvivere alla pausa di Outlander by John Patrick Weiss

John Patrick Weiss è un vorace lettore, scrittore, pittore, fumettista, blogger nonché Capo della Polizia in un dipartimento della California del Nord. Dopo il gran successo del suo primo articolo dedicato ad Outlander – Guida alla sopravvivenza per Uomini (che potete leggere tradotto in italiano nel nostro articolo QUI), è tornato con una nuova guida ma questa volta rivolta a tutto il mondo femminile perdutamente innamorato di Outlander e che sta attraversando mesi “infernali” a causa dell’odiatissimo hiatus, vale a dire la pausa di metà stagione!

Abbiamo pensato di tradurla in italiano per tutti voi… Buona lettura!

Scottish kilt

Alcuni dicono che il primo passo per superare una dipendenza sia ammettere che si è impotenti di fronte ad essa. Partendo da questo, si va alla ricerca di maggiore forza per una più efficace resistenza. Fatevi un esame di coscienza, ammettete i vostri errori, fate ammenda e cercate di aiutare gli altri a superare la loro dipendenza. Questo approccio ha aiutato milioni di persone a recuperare la loro vita, salute e felicità. Tuttavia, per le donne dipendenti dai libri di Diana Gabaldon e dalla serie tv “Outlander”, l’approccio dei dodici passi non funzionerà. Perché? Perché non è una dipendenza per loro. E’ una deviazione dalla norma accolta con piacere. La salvezza dai contraccolpi della vita quotidiana.

Per quelli di voi che si sono uniti in ritardo alla festa “Outlander”, ecco un po’ d’informazioni. Diana Gabaldon è un’autrice Americana di grande successo i lui libri figurano nella classifica dei best-sellers del New York Times. Ha una laurea in Zoologia, una laurea specialistica in Biologia Marina e un dottorato di ricerca in Ecologia comportamentale. Secondo Wikipedia, la Gabaldon è stata anche assistente universitario presso il Centro per gli Studi Ambientali dell’Arizona State University nel 1980. Parliamo di una persona colta. Ma aspettate, c’è di meglio.

Credo che essere un professore universitario a tempo pieno non fosse abbastanza difficile o stimolante, così la Gabaldon ha deciso di scrivere un romanzo storico, anche se non aveva molta conoscenza della storia. Wikipedia riporta che nel 1988 Gabaldon ha deciso di scrivere un romanzo per “pratica, solo per imparare.” Giusto, e quando mai ciò porta ad un contratto editoriale? Mai, giusto?

A quanto pare, Diana Gabaldon non crede in “mai”. Ha condiviso un estratto del suo romanzo di “pratica” su un forum letterario e un autore la presentò a un agente letterario. L’agente ha rappresentato la Gabaldon e promosso il suo romanzo di “pratica” incompiuto. Indovinate cosa è successo? La Gabaldon ha ottenuto un contratto editoriale per una trilogia. E’ diventata un’autrice di bestseller del New York Times e ora hanno fatto una serie TV di successo basata sul suo lavoro.

Da tutto quello che ho letto, Diana Gabaldon non è solo brillante, ma una persona davvero piacevole. Tuttavia, il successo a volte genera conseguenze non indesiderate. Le donne di tutto il mondo e una discreta quantità di uomini (noti come “Outmanders”) sono caduti sotto l’incantesimo della Gabaldon e ne sono felicemente dipendenti. Hanno letto fedelmente tutti i libri e consumato voracemente la serie TV targata Starz. Tutto stava andando a meraviglia, fino a quando non è arrivata la temuta… interruzione.

La prima metà della stagione televisiva di Outlander si è conclusa questo autunno, lasciando gli spettatori con un colpo di scena indimenticabile. I fans devono ora attendere con ansia il ritorno della serie la prossima primavera 2015 (4 Aprile 2015, n.d.r.). Parliamo di questioni irrisolte! Forse questa lunga pausa è progettata per aiutare ad identificarci con Claire, l’eroina della saga di Outlander. Dopo tutto, a Claire è stato negato suo marito del 20° secolo ed è intrappolata nella Scozia del 18° secolo. Anche lei sembra bloccata in una lunga pausa, tranne per il fatto che è piombata tra le braccia di Jamie Fraser, quindi le cose non possono essere così male per lei. Ma sto divagando.

Ho scritto un precedente articolo intitolato “Outlander – Guida alla sopravvivenza per Uomini” per aiutare gli uomini a far fronte a questo rapimento causato da Outlander. Per contro, mi sembra giusto cercare di aprire un dialogo con le signore fornendo loro consigli premurosi su come sopravvivere alla pausa. Quelli che seguono sono alcuni suggerimenti per far passare il tempo, o come la Gabaldon ha definito sulla sua pagina di Facebook, “Droughtlander” (“Sete da Outlander”).

1) DIMENTICA LA TERAPIA DI GRUPPO

Grouprecovery2

[Carol, nel gruppo di sostegno “Outlander” proviamo ad essere completamente onesti nel condividere i nostri pensieri…

D’accordo! Jamie non avrebbe mai indossato un papillon brutto come quello!]

2) GIOCO DI RUOLO

poolboy4

[Ok, Douglas, ho stampato le tue battute. Sarai Dougal. Io sarò Claire, e il nostro ragazzo che pulisce la piscina
sarà qui molto presto per interpretare Jamie!

Carol, tutto questo ti sembra minimamente normale?]

3) RECLUTARE SUPPORTO

oldsport21

[Sembra che lei abbia persuaso anche te, amico mio…]

4) ESPLORA LE ALTERNATIVE

Greatscotch

[Prenderò uno scotch… – Mi vuoi sposare?]

5) TRATTIENI TUO MARITO

Jamiecard4

[Tieni tesoro, ti ho fatto una scheda di riferimento laminata “Che cosa farebbe Jamie?”]

6) GUARDA LE REPLICHE E SII’ SCHIETTA

kiltdrop3

[Per l’amore di Dio! Perchè questo tipo fa cadere sempre il suo kilt?

Guardalo, Douglas! Tu non lo faresti!?]

In conclusione, penso che dobbiate accettare questa pausa e la vostra dipendenza senza speranza da Outlander. E il didietro sodo di Sam Heughan. Per non parlare dell’indipendenza esuberante del 20° secolo di Claire scatenata dagli uomini in kilt del 18° secolo. La fedeltà incrollabile di Dougal al suo clan. Il sadico Jonathan Randall, che amate odiare. Il paterno rifugio di Colum MacKenzie per Claire e Jamie. E così via.

Utilizzate questo hiatus in modo costruttivo per educare i vostri cari circa il valore di Outlander. Trovate un chiaroveggente adatto per accedere a zone della mente di vostro marito (o fidanzato). Trovate delicatamente un modo per comunicare che Jamie rappresenta ciò che ogni donna vuole. Un uomo robusto che sarà sempre pronto a sostenere la sua donna. Un uomo che non mancherà di tenerla al sicuro e renderla felice. Non ha paura di esprimere emozioni, guadagnarsi da vivere, offrire consigli gentili e, soprattutto, ascoltare. Sì, ascoltare. Quella rara qualità che così pochi di noi uomini hanno imparato. Jamie si assume la responsabilità delle sue azioni, nonostante i risultati. Lui è coraggioso e forte, ma tenero e delicato.

Naturalmente, la ragione per cui Jamie è perfetto è perché è stato inventato da una donna. Eppure, Diana Gabaldon ha creato anche Claire, che è un essere umano altrettanto incredibile. Tutto ciò ci riporta alla genialità di Diana Gabaldon. Il dono della letteratura è che ci sono autori notevoli che ci trasportano in altri mondi, in cui ci è dato un assaggio di qualcosa di più. Qualcosa di meglio. Un luogo dove l’amore vince su tutto. Una stratosfera eterea che noi terrestri possiamo solo sognare, ma alla quale anche ispirarci. E magari provare un po’ di più a rendere il nostro mondo un posto migliore.

Quindi, signore e selezionati signori, tenete duro fino al prossimo mese di aprile. Rileggete i vostri usurati romanzi della Gabaldon. Non scusatevi per la vostra assuefazione da Outlander. Abbracciatela. Amatela. Celebratela. E alla professoressa creativa la cui penna ha dato vita a quei meravigliosi personaggi scozzesi, umilmente concedo, “Ben fatto, Signora Gabaldon. Ben fatto.”

Fonte: John Patrick Weiss.com
N.B. Potete trovare John Patrick Weiss anche su Facebook: https://www.facebook.com/JohnPatrickWeiss
*Traduzione italiana a cura di OUTLANDER ITALY. Materiale di proprietà di OUTLANDER ITALY, sotto Licenza Creative Commons. E’ vietata la riproduzione integrale. Per la riproduzione parziale sono necessari i crediti al sito OUTLANDER ITALY.*

Share This
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *