Interviste,  Outlander,  Sam Heughan,  San Diego Comic Con

Sam Heughan sulle nuove responsabilità di Jamie nella stagione 2

Sam Heughan Outlander Comic Con

In una città invasa da gente come Channing Tatum, Ryan Reynolds, Ben Affleck, Henry Cavill e Jeffrey Dean Morgan a causa del Comic-Con, Sam Heughan ha ricevuto un bel po’ di attenzioni da parte dei fans. Grazie alla popolarità della sua serie, “Outlander”, e alla sua geniale personalità, Sam si è distinto a San Diego.

Caitriona Balfe & Sam Heughan - Outlander Comic Con 2015“Outlander”, che vede per protagonisti Sam e Caitriona Balfe come una coppia appartenente a due epoche diverse nell’adattamento Starz della saga dei viaggi nel tempo di Diana Gabaldon, è stato dichiarato insieme ai film “Suicide Squad” e “Deadpool”, tra i grandi vincitori dell’annuale Convention dedicata agli appassionati di videogiochi, cinema, serie tv, fumetti e cosplay.

The Wrap ha dichiarato “Possono interpretare amanti sfortunati e torturati sullo schermo ma durante la seconda apparizione di ‘Outlander’ al Comic-Con, le star Heughan e Balfe hanno dimostrato di essere tutt’altro nella vita reale. Battute divertenti, mascherandosi giocosamente da pirata e persino bevendosi dei bicchieri di whisky sul palco, Heughan sembrava ben lontano dalle sofferenze del suo personaggio ma incantava lo stesso i fans”.

Sam, la personificazione dell’amichevole popolo Scozzese, ha fatto girare più di una testa mentre lui e Caitriona si muovevano da un evento all’altro al San Diego Convention Center o lungo i vasti corridoi dell’hotel. I fans strepitavano per avere foto con Sam e Caitriona, che interpretano rispettivamente  Jamie Fraser, un guerriero Scozzese del XVII secolo, e Claire Randall, un’infermiera militare degli anni ’40.

Jamie e Claire sono coinvolti in quello che viene descritto come un “un triangolo d’amore nel tempo” visto che il personaggio di Claire è sposato a Frank Randall, un professore di storia, interpretato da Tobias Menzies. Ma nella storia di Diana, Claire si risveglia trovandosi nel XVIII secolo e presto si ritrova coinvolta in una relazione passionale con Jamie.

L’attore 35 anni si è guadagnato una nomination ai Laurence Olivier Theatre Award come debuttante più promettente del 2002 per la sua performance in “Outlying Islands”. Ex alunno della Royal Scottish Academy of Music e Drama di Glasgow, in Scozia, Sam sembra sul punto di avere una grande carriera in TV e al cinema.

Sam si è goduto la pausa a San Diego nonostante si trattasse di lavoro per promuovere “Outlander”:

“Torniamo e riprendiamo a filmare”, ha detto del suo programma post Comic-Con. “Abbiamo fatto 3 episodi. Ce ne rimangono altri 10”.

Di seguito alcuni estratti dell’intervista di Inquirer con Sam:

Qual ‘è il vostro calendario delle riprese per la stagione 2?

Sam: Dureranno fino a Febbraio. Andremo a Praga il prossimo mese per girare gli esterni di Parigi e Versailles. E poi a Salisbury in Inghilterra. Sarà eccitante. Lo show cambia sempre, si sposta di continuo visto che non ha una sede specifica che funziona da studio cinematografico. Sarà un vero viaggio per i personaggi.

E’ un nuovo mondo – Versailles, la politica e la corte Francese. E’ tutto molto lussureggiante – Re Luigi XV… La seconda metà è più fango, sangue e lo sviluppo degli eventi che portano a Culloden. E’ come diviso in due metà. Sarà avvincente.

Puoi dirci come cambia il triangolo nella stagione 2?

Sam: Beh, penso che Tobias possa essere morto.

No, non può esserlo. 

Sam: Intendo dire che non lo so.

Era un brav’uomo.

Sam: O forse no. Devi leggere i libri. Molte cose sono accadute nella stagione 1. C’è bisogno di una risoluzione. Non voglio dire nulla di più.

Dove vedremo Jamie all’inizio della stagione 2?

Sam: Risente ancora molto di quanto accaduto nella stagione 1. Lui e Claire si trovano insieme in questo nuovo mondo. Sono catapultati in questo mondo estraneo di Parigi. Lei è incinta; lui deve processare ciò che gli è successo… Sono in Francia per fermare la storia (per fermare la Battaglia di Culloden dall’accadere). La situazione giunge ad un punto di non ritorno ma ci sono tante altre cose che accadono. Jamie sta “ricostruendo” se stesso e sta cercando di scoprire chi è.

Quindi si tratta come di un nuovo inizio per lui?

Sam: Sì, decisamente. Conosce Parigi. Ci è stato prima. E’ stato istruito lì ma si trovano [Jamie e Claire] in un mondo che non comprendono e del quale soprattutto non vogliono nemmeno fare parte. Inoltre adesso lui deve affrontare la responsabilità della paternità. La situazione diventa più tesa e difficile.

Puoi raccontarci un po’ di più su come il tuo personaggio farà i conti col diventare padre?

Sam: E’ un giovane uomo che deve crescere piuttosto in fretta. Lavorando nello show, ho dovuto imparare molto. Sono dovuto crescere con il personaggio. Riguarda anche la loro relazione [di Jamie e Claire]. Non ha avuto ancora un bambino ma c’è sicuramente della responsabilità. E’ davvero interessante vedere questa dinamica ma ancora non abbiamo recitato quelle scene.

Più avanti, sarà interessante vedere un personaggio chiamato Fergus che entra in gioco e diventa una sorta di secondo figlio. E’ un orfano Francese. Abbiamo un grande piccolo attore di nome Romann Berrux (che interpreta Fergus). Ha 13 anni. Divento un bambino di 5 anni quando giochiamo insieme. Passiamo il tempo parlando di stupidaggini. Mi piace davvero tanto questa relazione.

Romann porta luce nell’animo di tutti sul set. Quando arriva, tutti amano di più i loro lavori.

Per quale motivo pensi lo show sia fonte d’attrazione per così tanti spettatori?

Sam: Ha tutto. I libri di Diana sono famosi. Ha venduto 26 milioni di copie. Suppongo che sia per tutto quello che lei ha inserito: viaggio nel tempo, storia e politica. E’ un grande mix di tutti i generi.

Quale elemento ti attrae di più?

Sam: L’anno scorso era la Scozia. Mi sono innamorato di nuovo del mio Paese. Volevo far conoscere la nostra cultura a tutto il resto del mondo. E ci siamo riusciti.

Qual è la cosa in cui sei diventato bravo da quando reciti nello show?

Jamie OutlanderSam: Andare a cavallo. Lo amo. E amo il mio cavallo. E’ straordinario.

Hai sempre lo stesso cavallo?

Sam: Per la prima metà della stagione. Sì, l’ho avuto. Sleepy e poi…

Sleepy?

Sam: E’ straordinario. E’ tutto tranne che addormentato [“Sleepy” in inglese significa assonnato n.d.r.]. Poi nella seconda metà della storia, Jamie ha un nuovo cavallo che è il demonio. Quindi hanno preso questo nuovo cavallo chiamato Pinocchio. E’ fantastico. E’ un grande stallone Frisone. E’ un po’ violento ma lo amo perché è perfetto per la parte. Mi piace davvero molto lavorare con lui.

Andavi a cavallo prima di ottenere questo ruolo?

Sam: Ogni attore, quando arriva sul set pensa “Oh sì, posso cavalcare. Posso maneggiare arco e frecce”. Ma in realtà non sono in grado. Il giorno delle riprese sono tutti “Oh Dio…”. Ma noi abbiamo avuto una specie di campo d’addestramento. Ci hanno insegnato a cavalcare.

Adesso, ti senti a tuo agio quando vai a cavallo?

Sam: Jamie è molto bravo con i cavalli. Ho trascorso parecchio tempo nelle stalle e ho imparato tanto sui cavalli. C’era una scena con Sleepy. Accarezzavo il suo orecchio perché è un punto che lui ama io gli accarezzi. Era in estasi, così ho continuato ad accarezzarlo. Nella scena vera poi, Sleepy continuava a prendermi a testate perché voleva che lo accarezzassi.

Share This
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *