Sam Heughan

Sam Heughan per Just Jared Spotlight "Scotland" Edition: intervista + foto

Sam Heughan non poteva essere più “sexy” in queste nuove foto esclusive per l’ultima edizione di “Just Jared Spotlight Series“.

Il 34enne attore Scozzese è il protagonista maschile principale della nuova serie “Outlander”, che è stata girata nel suo Paese natale. Lo show ha già ricevuto recensioni entusiaste ed è assolutamente un must-see (“da vedere”). Sabato 9 Agosto debutterà ufficialmente su STARZ e potrete ammirare questo giovane rubacuori in azione nei panni (o meglio kilt) di Jamie Fraser.

Sam è stato fotografato nello storico Castello di Dumbarton, che esiste da ben 1500 anni! Curiosità sul castello: si trova in cima ad una roccia vulcanica che si affaccia su Firth of Clyde. Il castello ha fatto anche da rifugio per i reali nel corso degli anni.

Durante l’intervista, JJ e Sam hanno parlato della sua educazione vivendo in una zona rurale della Scozia, del suo nome omaggio ad un personaggio de “Il Signore degli Anelli”, del suo passatempo preferito scozzese (suggerimento: non è il golf!) e ovviamente di Outlander.

(Si ringrazia l’Organizzazione Nazionale per il Turismo in Scozia per aver aiutato a realizzare il servizio fotografico e Historic Scotland per aver dato accesso al Castello di Dumbarton.)

Just Jared: Com’è stato nascere e crescere in Scozia?

Sam Heughan: Sono nato nella parte sud-occidentale della Scozia, in un’area chiamata Dumfires and Galloway, e sono cresciuto nelle vecchie stalle riconvertite di un castello. Non era uno affascinante come questo in cui stiamo fotografando oggi, ma è stato incredibile.  Ci giocavo da ragazzino e facevo finta di essere il Re di Scozia.

JJ: E’ così che è iniziato il tuo interesse per la recitazione? Per via dell’ambiente che ti circondava e la finzione?

SH: Assolutamente. Non avevo molti amici a scuola perché non c’era nessuno qui. C’erano solo altri quattro bambini nella mia classe a scuola fino a quando avevo all’incirca 14 anni. Quindi ho trascorso molto tempo per conto mio e dovevo usare la mia immaginazione, e penso che questo sicuramente mi abbia spinto verso la recitazione.

JJ: Parlami del tuo nome. Ho sentito che deriva da un personaggio de “Il Signore degli Anelli”, è vero?

SH: Sì. Mia madre e mio padre erano molto appassionati de “Il Signore degli Anelli”, e mio padre mi ha chiamato Samwise. Penso che fossero appassionati anche di una band chiamata Gandolf’s Garden… Anche mio fratello è stato chiamato con il nome di uno degli elfi de Il Signore degli Anelli.

JJ: Qual è il nome di tuo fratello?

SH: Si chiama Cidran. E’ l’elfo che alla fine de Il Signore degli Anelli costruisce le barche e tutti gli elfi partono per andare nella Terra di Mezzo.

JJ: Com’era il Royal Conservatoire of Scotland?

SH: Si trova a Glasgow dove stiamo filmando, e l’ho frequentato dal 2000 al 2003 per studiare recitazione. Volevo andare a studiare al Drama Centre di Londra, ed ero molto eccitato all’idea di andare lì. Ma poi ho fatto l’audizione anche in Scozia, e non appena sono arrivato, ho sentito che era il posto che faceva per me. Mi sentivo così a mio agio. Ho molto apprezzato le strutture e ha tanti collegamenti con il teatro scozzese, da allora ho lavorato molto nel teatro scozzese.

JJ: Qual è stata la tua prima esperienza recitativa?

SH: La mia prima esperienza è stata l’interpretazione di un uccello nella produzione natalizia dei Twits. Avevo 20 anni. Indossavo un corsetto, tacchi alti e dei pantaloni aderenti a campana pieni di paillette… Era un gran bel costume.

JJ: Quindi sei andato a scuola di recitazione e poi hai iniziato ad ottenere ruoli in varie produzioni?

SH: Sì, sono andato a scuola di arte drammatica e poi sono partito. Al mio secondo anno ho fatto uno show al Festival di Edimburgo che poi abbiamo portato in giro per Londra. Siamo andati al Royal Court Theatre. Ho fatto tour per un anno. Dopo siamo andati a Toronto. Ci siamo esibiti in giro per tutto il Regno Unito e la Scozia. E in seguito da lì ho ottenuto il mio agente e ho iniziato a lavorare.

JJ: Come hai saputo di voler frequentare una scuola d’arte drammatica? Che cosa ti ha convinto, crescendo, a voler diventare un attore?

SH: Non sapevo di voler diventare un attore immediatamente. Volevo far parte di quel mondo, ma non pensavo di poterlo fare; che avrei potuto guadagnarmi da vivere con la recitazione. Mi sono preso due anni dopo la scuola, ho viaggiato, sono andato in giro per l’America e per l’Europa. Ho viaggiato per molto tempo. E dopo mi sono unito ad una compagnia in Scozia, dove ho iniziato a lavorare con altri giovani e a fare produzioni e da lì ho realizzato che questo è davvero quello che voglio fare.

JJ: Qual è il tuo passatempo scozzese preferito?

SH: Non è il golf. Probabilmente è bere. E’ un passatempo preferito dagli Scozzesi. Mi piace anche scalare le montagne. Amo passeggiare in collina, e da quando sono tornato in Scozia, lo faccio molto. Faccio escursioni a Montrose, che ha una certa altezza… Mi sono arrampicato su per montagne bellissime. Le escursioni durano circa 4 ore. Puoi impiegarci meno tempo, ma devi essere piuttosto in forma.

JJ: Congratulazioni per Outlander. Che cosa ti ha attratto del progetto?

SH: Grazie. Sono un grande fan di Ron Moore. Amo Battlestar Galactica, amo lo Sci-fi e amo Star Trek. Quindi quando ho scoperto del suo coinvolgimento, ho pensato che fosse un progetto di sicuro successo. E poi amo le produzioni che sono basate su libri o sulla storia. Ho fatto tante opere in costume, molta roba degli anni ’40 e anche di periodi precedenti. Avere quel materiale a disposizione e potervi accedere quando stai filmando è davvero un vantaggio per un attore.

JJ: Puoi descrivere il tuo personaggio?

SH: Sì, interpreto Jamie Fraser, che è un guerriero, un contadino, vive nella Scozia del 1700 e fa parte di un clan. Incontra Claire, che viaggia indietro nel tempo, e per necessità devono sposarsi. Seguirete il loro viaggio attraverso le highlands della Scozia.

JJ: Hai un oggetto di scena preferito?

SH: Direi il mio cavallo. Non è un oggetto di scena, in realtà, ha una vita propria. Ma lo amo. Ho due cavalli adesso. Ho imparato ad andare a cavallo per lavoro, e mi piace davvero tanto. E’ molto divertente.

JJ: Come si chiamano?

SH: Sleepy è il mio cavallo “principale” ed è grandioso. Non teme nulla ed è molto intelligente. L’altro si chiama Pinocchio, che è come uno stallone, e non fa altro che sbavarmi sulla manica, mi morde…

 JJ: Qual è il tuo momento off-screen preferito?

SH: Le locations. Filmiamo in alcuni luoghi davvero molto suggestivi, e li vedrete nella serie. Giriamo per le highlands e ci sono montagne meravigliose con cime ricoperte di neve. I fiumi, il mare.

 JJ: Qual è la scena più “calda” che hai girato?

SH: Nei libri e nella serie c’è molto divertimento tra me e il personaggio principale Claire. Fa parte della loro relazione. E’ sai, come imparano a conoscersi e a scoprire l’uno dell’altra.  Penso che siano molto “hot”.

JJ: Che tipo di allenamento hai ricevuto per questo ruolo?

SH: Wow. Ovviamente abbiamo avuto parecchio combattimento con la spada.

JJ: Ho sentito che hai la licenza di schermidore.

SH: Sì, ho la licenza da schermidore. Posso insegnare. Ho anche le spillette da allenatore.

JJ: Ti ha aiutato molto?

SH: No a dir la verità, perché è un tipo di combattimento con la spada completamente diverso. Noi duelliamo. C’è un po’ di combattimento con la spada verso la fine. Anche imparare a parlare il Gaelico. Abbiamo molte parti in Gaelico nello show, che è ovviamente la lingua scozzese. E’ molto difficile. Ho dovuto allenarmi molto, sono dovuto andare molto in palestra, è stato molto divertente e una vera avventura.

JJ: Conoscevi già qualche parola di Gaelico?

SH: Conoscevo una parola, che era “Oidhche mhath” che significa Buonasera. L’ho imparata guardando il telegiornale (ride).

 JJ: Qual è la tua routine per mantenerti in forma? Sei entrato qui prima con un frullato di proteine.

SH: E’ vero (ride). Credo di essermi versato circa la metà addosso. Sì, ho avuto un allenatore per 6 settimane a Londra prima che iniziassimo le riprese. Poi abbiamo avuto un boot camp. Ho messo su 2 stones [circa 13 kg, n.d.r.], che equivalgono non so a quanti pounds, penso siano 15 pounds, non so. Comunque, 2 stones in peso. E’ dura con le riprese, devi far coincidere tutto. E’ piuttosto intenso. Tantissimi sollevamenti pesi ma non molto cardio. Ci si diverte.

 JJ: Indossi molti kilt nella serie, ho sentito che ne avevi uno personalizzato?

SH: Sì. Ne ho uno personalizzato con i tartan dello show, che sono stati creati appositamente per noi. E’ il tartan dei MacKenzie. E ho anche un kilt moderno. Ma nello show, abbiamo il kilt lungo, il “fèileadh” com’è chiamato in Gaelico, ed è lungo almeno 7-9 feet [circa 3 metri, n.d.r.]. Devi ripiegarlo dietro, stenderti sul pavimento, avvolgerlo attorno a te e metterci una cintura. E’ un processo piuttosto difficile da fare nella roulotte di prima mattina. Ma sì, sono divertenti da indossare.

 JJ: Avevi letto qualche libro prima dell’audizione?

SH: Sì, sapevo lo show era basato sui libri così ho ricevuto molte pagine che ho dovuto imparare velocemente. Non ho avuto l’opportunità di leggere tutto il libro, ma ho letto delle scene specifiche prima del provino. Dopo ho avuto la possibilità di leggere il libro per intero quando sono stato richiamato. Diana Gabaldon, l’autrice dei libri, è stata di grande supporto e un grande aiuto. Mi ha inviato anche tante informazioni e abbiamo parlato molto. Sì, è ammirevole.

JJ: Chi sono le “Heughligans”?

SH: Sono il miglior gruppo di fans che abbia mai incontrato! Hanno iniziato quando il mio casting era stato appena annunciato. E hanno aumentato sempre più il numero di seguaci. Hanno raccolto migliaia di dollari per l’associazione benefica che seguo, che si occupa della ricerca  per la leucemia e il linfoma. Sono una gioia.

 JJ: Perché questa ricerca benefica ti sta tanto a cuore?

SH: Sono associato a loro da tempo. Pratico molto sport di resistenza e hanno un team di celebrità, corro e faccio triathlon con loro. Ho appena adottato un’altra associazione, è la Promote Youth Theatre in Scotland. Sto cercando di fare il più possibile.

JJ: Qual è stata l’esperienza più pazza con un fan che hai incontrato?

SH: Oh wow. Beh, la più recente è stata con altri membri della crew, all’insaputa della Starz, siamo andati a fare la Tough Mudder, che è un percorso d’assalto ad ostacoli. E mentre ero sotto un filo spinato, nel fango, al primo ostacolo, una donna stava urlando il mio nome “Go go Sam, go Sam!” E mi sono chiesto come sa che sono io? Alcune di loro erano venute a trovarci e ci hanno supportato, è stato fantastico.

JJ: Hai programmi divertenti per l’estate?

SH: Spero di stare al sole, possibilmente a Los Angeles. E sì, ho in programma di rilassarmi sulla spiaggia e diventare un barbone da spiaggia.

JJ: Che genere di musica stai ascoltando in questi giorni?

SH: Sono andato ad un concerto venerdì sera. Una band scozzese chiamata We Were Promised Jetpacks, un gruppo post-punk, rock. E hanno completamente distrutto il posto, li amo.

JJ: Qualche serie tv che segui religiosamente?

SH: Sì, per il momento sto guardando Vikings. Ho appena finito, cosa ho appena finito? Game of Thrones ovviamente. Amo le serie tv americane, sono favolose.

JJ: Un film che hai amato di recente?

SH: Qual è l’ultimo film che ho visto? Wow, non riesco a ricordare l’ultima volta che sono andato al cinema. Oh, ho visto quel film di Tom Cruise, Edge of Tomorrow. Mi è piaciuto molto. Amo la roba sci-fi e ho molto apprezzato quel film, era bello.

JJ: Chi sono i tuoi attori preferiti?

SH: Ho iniziato a teatro, quindi molti dei miei idoli sono attori di teatro in Scozia. Sono stato davvero molto fortunato a poter lavorare con alcuni di loro, è stato grandioso. Ma nel nostro show, abbiamo degli attori straordinari. Bill Paterson, John Heffernan, Simon Callow. Attori a cui mi ispiro. Gary Lewis. E far parte di tutto questo è incredibile.

JJ: Chi è la tua persona preferita da seguire su Instagram?

SH: Su Instagram, probabilmente non dovrei rispondere a questa domanda ma seguo una guru del fitness e lei… posta delle foto piuttosto interessanti.

JJ: Hai una persona preferita che segui su Twitter?

SH: Seguo troppe persone su Twitter ma Diana Gabaldon è una grande da seguire. Posta molto e fa delle battute molto spiritose. E’ molto divertente.

 

Tutte le foto in >>GALLERY<<

Traduzione italiana a cura di OUTLANDER ITALY. Materiale di proprietà di OUTLANDER ITALY, sotto Licenza Creative Commons. E’ vietata la riproduzione integrale. Per la riproduzione parziale sono necessari i crediti al sito OUTLANDER ITALY.

Share This
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *