Episodes,  Outlander,  Recensioni,  Season 1,  Stagione 1

"The Devil's Mark" – Recensione Ep 1×11 di Outlander

Quando penso ad Outlander, ringrazio sempre dio per avermi illuminato, mesi e mesi fa, su questa nuova serie tv. E non è solo perché mi è stata data la possibilità di parlarne, settimana per settimana, con tutti voi, non solo perché ho conosciuto persone straordinarie cui questa saga è ragione di vita come per me lo sono le canzoni di Tiziano Ferro, ma soprattutto perché Outlander è una certezza in un panorama di show tv che il più delle volte deludono.

Non una puntata sbagliata, noiosa, fuori tema, inutile ai fini della trama.
Tutto è stato un continuo crescendo di qualità, emozioni, bellezza.
Ogni episodio non solo non delude le aspettative, ma addirittura le supera.
Come questo che per me, è stato il migliore finora.

Dico questo perché questa puntata è stata un po’ un epilogo e un prologo allo stesso tempo.
Mi spiego meglio: questo episodio chiude un arco narrativo, l’inizio di un viaggio sorprendente e ne apre un altro. È stata una chiusura perfetta, una degna conclusione di un’esperienza, cominciata mesi e mesi fa.

Alla fine si vede tutto quel cambiamento, nel character development della protagonista.
Con Claire abbiamo iniziato questo viaggio, partendo da un vaso in una vetrina nel 1918 e guardate dove siamo arrivati.

Io l’ho sentito tutto il peso di questa avventura, l’ho letta nell’indecisione di Claire nel cerchio di pietre.
Fa strano quasi, pensare come un tempo, non avrebbe nemmeno avuto bisogno di pensarci su, avrebbe preso e sarebbe scappata se ne avesse avuto occasione.
Avrebbe detto: “Scusate, ma preferisco tornare in un mondo in cui esistono trucchi, reggiseni, abiti comodi, posizioni dignitose in società per le donne, civiltà, la possibilità di cacare in un bagno decente..”

E invece adesso C guarda le sue due fedi e per un attimo, non sa cosa scegliere.
Quell’indecisione ci sta tutta, è il risultato di tutto il suo percorso.
Osserva le sue promesse di matrimonio e si sente una donna divisa in due e tu con lei ti chiedi: “Quale parte prevarrà sull’altra?”

E poi si alza e convinta va verso la sua decisione e tu ti rendi conto che questo viaggio è giunto al termine, che questi mesi l’hanno cambiata per sempre, l’hanno resa DENTRO una donna della Scozia del 1700… l’hanno resa una Fraser.

Outlander.S01E11.Subbed.ITA.HDTV.XviD-ZDC.avi[1].mp4_20150421_215615.910

Ovviamente il merito è soltanto di Jamie, che è nato per essere il suo destino.
Questa cosa mi ha messo dei complessi che non avete idea, perché io sono qui che mi chiedo: “Ma non è che tutte le mie relazioni sentimentali finiscono sempre a merda perché la mia anima gemella appartiene a un’altra epoca. Ma se così fosse, chiunque abbia stabilito questo concetto, deve pur darci una possibilità di trovarla. Dunque la reincarnazione esiste? Magari in passato abbiamo trovato l’amore della nostra vita e adesso siamo rinati e non ce lo ricordiamo, ma manteniamo di fondo la convinzione che c’è, che esiste? Quindi devo aspettare un tot di reincarnazioni, prima che ci ritroviamo, ci innamoriamo e viviamo insieme fino alla morte?”

Voi ve le fate queste domande o devo cominciare a prendere le medicine?
Dopo aver condiviso con voi questo pensiero che mi turba, torniamo a parlare di Jamie.
È chiaro come il fatto che C ama il sesso e i guai, è chiaro come il fatto che a Colum non gli si drizza, che Dougal ha le Highlands piene di suoi bastardi, che se non fosse stato per Jamie Fraser, Claire sarebbe andata contro le pietre, come Harry Potter va contro il binario 9 e 3\4.

Ho letteralmente amato il comportamento di Jamie in questa puntata.
Che animo buono che ha, pulito e profumato come le lenzuola lavate col Dixan.
È questo che lo rende speciale, diverso dagli altri.
È questa sua bontà, ingenuità, amore altrui, che hanno convinto Claire a restare.

Mi è venuta proprio la tristezza dentro mentre lo sentivo parlare di Lallybroch pur sapendo cosa stava per fare, dove la stava conducendo.
Lui fa qualcosa di straordinario.
Sceglie di lottare per lei, ma lo fa in una maniera meno evidente di un combattimento fisico.
Lo fa parlandole della sua tenuta, della vita che avranno una volta lì, lo fa guardandola dormire, regalandole orgasmi.

È il suo modo per dirle: “Io sono questo. Io posso offrirti questo. Se mi scegli, è questa la vita che avrai con me.” E poi la porta al cerchio di pietre e la lascia compiere la sua scelta, nascondendosi nell’accampamento poco distante, perché fanculo le chiacchiere, una piccola parte di lui, sperava che lei lo scegliesse.

Anticipazioni puntata Uomini & Donne, la tronista Claire fa la sua scelta



Maria andrà a prendere Frank e lo metterà sul trono?

Piccola parentesi dato che abbiamo parlato di orgasmi.
Caitriona è così brava a fingere che tutte le donne hanno preso appuntamento da lei per imparare.
Dopo Outlander, aprirà una scuola apposita, e la chiamerà: “L’Accademia dell’Orgasmo – come fargli credere di aver fatto centro.”

Devo dire che c’è stato un momento sulla collina, che mi ha quasi fatto venire un infarto.
Ossia quando lei racconta a Jamie com’è stato arrivare lì e mentre lo fa, si sente il ronzio di cui parla e lei ne è inevitabilmente attratta, protende le mani in avanti, sta quasi per toccare le pietre e poi, per fortuna, lui la ferma.

Non si fanno questi scherzi, autori.

Jamie ha un comportamento corretto e onesto per tutta la seconda parte di puntata.
Credo che C si sia innamorata perdutamente di lui, quando le racconta la sua storia e lui… ci crede.
Crede alle sue parole e Claire è così entusiasta e libera, che si sfoga raccontandogli tutto.
Se non è intimità questa, io non so…

Anch’io sogno qualcuno a cui se dico: “Conosco migliaia di riferimenti alla pop culture, alla musica, al cibo, ai film, ai libri, non dormo di notte e odio la mattina, la luce diurna. Giro sempre con gli occhiali da sole non per fare il divo ma per nascondere le occhiaie evidenti, dico ‘vaffanculo’ invece che ‘buongiorno’, bevo caffè tutta la giornata, parlo una lingua incomprensibile piena zeppa di citazioni e riferimenti.
So preannunciarti, prima che siano gli attori stessi a dirle, tutte le battute di Gilmore Girls, The OC, Dawson’s Creek, Grey’s Anatomy e spesso scrivo sigle come OUAT, OITNB, OB, GOT, TVD… e non lo faccio perché sono affetto da qualche disturbo mentale.
Preferisco dirti ‘pick me, choose me, love me’ piuttosto che ‘ti amo’ perché per me ha più significato.
Tutto questo perché, vedi, io sono… un Telefilm Addicted.
E passo la notte, la mia vita a guardare centinaia e centinaia di episodi di serie tv.”

E se mi crede, se non mi scambia per pazzo ma mi dice: “Io ti credo. Ma sarebbe un bel po’ più facile se fossi stato soltanto un vampiro.”

Allora saprò che è vero amore.
Che è la persona giusta.
Che è THE LOVE OF MY LIFE.
Ci sposeremo e vivremo insieme felici e contenti con i nostri 10 cani, tra libri, Netflix e cofanetti di serie tv.
#nientefigli

E Jamie fa esattamente questo con Claire.
Le crede, anche se lei sta citando la trama di un fantasy, le crede e basta perché la ama.
È questo è l’amore, la fiducia profonda nell’altro che ci porta ad accettare ed amare incondizionatamente ogni cosa di quella persona.

Claire lo sa, perché quel “Io ti credo” per lei è meglio di un “Ti amo” e alla fine sceglie lui per quello.
Perché è la sua metà, la parte che la completa.
È così pazzo da credere a quella storia.

E io non posso fare a meno di chiedermi se Frank, al posto di Jamie, l’avrebbe creduta o spedita nel manicomio di Suor Jude in American Horror Story.

Le Streghe di Salem

Veniamo a questo processo tanto atteso, ad Outlander che incontra Forum, che incontra Salem.
Tra l’altro, Rita dalla Chiesa è incazzatissima con la produzione, perché non l’hanno chiamata manco per condurre questa puntata speciale.

Questo processo è stata una pugnalata al petto, un calcio nelle palle, ma mi ha fatto venire anche una voglia di bestemmiare che non avete idea.
Prima di tutto vediamo com’è iniziata la giornata delle nostre detenute:

Outlander.S01E11.Subbed.ITA.HDTV.XviD-ZDC.avi[1].mp4_20150421_215419.973
Outlander.S01E11.Subbed.ITA.HDTV.XviD-ZDC.avi[1].mp4_20150421_215423.002

Dopo di che ci spostiamo in aula, dove abbiamo una fila di testimoni lunga quanto la coda alle casse quando vai di fretta.

Partiamo dalla governante di casa Duncan, quella doppiogiochista arrampicatrice sociale, che davanti alla corte e al pubblico presente, pubblico che ha un quoziente intellettivo pari ai neuroni di Loagharie (se ho sbagliato a scrivere il suo nome, non me ne frega un cazzo), che testimonia contro Claire e Geillis dicendo:

“Le ho viste giocare alle sorelle Halliwell, si divertivano a fare il remake di Charmed. Hanno tutti i cofanetti di Sabrina Vita da Strega, i libri di Harry Potter e seguivano The Secret Circle sulla CW.”

Ned, anima buona, smonta la testi pezzo per pezzo.

“Cari presenti, non sono streghe, ma solo fangirls.”

Ned è tutti noi in quell’aula.
È la razionalità che si scontra contro il fanatismo, l’ignoranza, l’essere bifolchi di questa gente, che tutto ciò che vogliono è lo show, qualcosa che li distragga dalla loro banale vita.
Anche noi saremmo così senza internet, libri, tv.

Ho amato Ned sin dalla sua prima entrata in aula quando ha dichiarato che:

Outlander.S01E11.Subbed.ITA.HDTV.XviD-ZDC.avi[1].mp4_20150421_215724.784

Ma la governante non perde tempo e riattacca.

“Inoltre.. le ho sentite cantare strane canzoni”
“Che tipo di canzoni?”
“Che dio mi perdoni… le canzoni erano.. Like a Virgin e Single Ladies”

Per fortuna Ned è un avvocato difensore che non ha nulla da invidiare ad Annalise Keating di HTGAWM.

Poi è stato il turno di gente di cui proprio non ricordo il nome, la cui immaginazione è perfetta per scrivere ballate di stregoneria locale.
Che poi questi sono assurdi.
Credono alla faccenda delle fate e del changeling ma sono pronti a bruciare una donna solo perché non è cessa e sottomessa come tutte le altre.

E veniamo alla bionda merda e a Padre Bain che ricorda padre Amorth, l’esorcista (non il film).

Che dire di questi due depravati?
Belzebù li fa e poi li accoppia.

Questi due marci e brutti si appartengono, perfetti nel loro squallore.
Che merde, ma merde, merde, merde.
Non ci sono altre parole.
Avete visto che sceneggiata che hanno fatto?

Qualcuno che ha letto la saga, venga a spoilerarmi che la cessa bionda morirà di sifilide, che avrà la cellulite acuta, le tette mosce e la menopausa anticipata. Venite a dirmi che padre Bain sarà colpito da impotenza, da emorroidi, da flebite, vaiolo.

Loagharie non è stregoneria, la verità è un’altra:

Sei la non scelta, stacce.

Il mio sogno è vederli soffrire e BALLARE SUI LORO CORPI MARTORIATI.
Ovviamente avrete capito che la filosofia del “Porgi l’altra guancia” è il fondamento su cui si basa la mia vita.
No?!

Ciò che ho amato di più in questa puntata, è stato il rapporto tra Claire & Geillis.
Raga mi hanno fatto penare proprio.
Che sorellanza, che anime affini.
Due donne forti, belle, decise, determinate, più vicine e simili di quanto pensassero.

L’essenza del loro rapporto, di questa amicizia particolare che è cresciuta piano piano, confidandosi piccoli segreti e bugie, sta tutta in quella camera, quando a Claire viene offerta la possibilità di salvarsi incolpando di tutto Geillis e lei RIFIUTA.

È da Claire rifiutare, è una scelta in linea col suo personaggio.
C odia le ingiustizie, l’abbandonare una situazione senza lottare, il liberarsi dalle colpe per scaricarle tutte su un’altra persona.

E in più Claire è davvero affezionata a Geillis e alla sua sorte.
Lo vediamo nella scena in cui le accarezza il grembo e G le bacia la mano.
Quanto ho amato questi momenti, le battute ironiche e arrese di due donne condannate.

G racconta a Claire di Dougal e io pretendo di vedere dei flashback in cui G e D si innamorano, si corteggiano durante la campagna politica giacobita.
Me li immagino come gli Olivia Pope e Fitzgerald Grant III (Scandal) delle Highlands del 1700, quando lei si innamora di lui mentre era in corsa per diventare Presidente.

Conclusione:

Ho sofferto un sacco nel vedere Claire umiliata e picchiata nell’aula di tribunale, nel notare lo sguardo di pura sofferenza di Geillis mentre assisteva impotente alla scena.
E l’ho amata come non mai, quando si prende la colpa di tutto.
Che coraggio quella donna.

Sento che ci sono migliaia di sfumature in lei che non conosciamo.
Ditemi che si è salvata, che la rivedremo, che ci spiegherà perché dal 1968 ha viaggiato nel tempo per arrivare proprio in quell’epoca storica.
Geillis è la mia preferita, non può morire.

Mi mancherà la sua bellezza ammaliante, il suo carattere da civetta, ma anche il suo cuore non così puro.

Anche voi avete il marchio del diavolo?
SIETE DELLE STREGHE! AL ROGO!

Che è stato per me, il miglior episodio della stagione ve l’ho già detto, dunque non vi rubo altro tempo e concludo dicendo: Padre Amorth e Bionda Cessa aspettiamo i vostri cadaveri con la stessa ansia con cui attendiamo una nuova puntata di Outlander.

Voto: 9,5

Share This
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

6 commenti

  • Dony

    Un’altra grande recensione Daniele e “N’dò sta le reggia che m’hai promesso” mi ha fatto morire!!! Ti risparmierei gli SPOILER per non farti soffrire su tutta la linea…

  • Dony

    Un’altra grande recensione Daniele e “N’dò sta le reggia che m’hai promesso” mi ha fatto morire!!! Ti risparmierei gli SPOILER per non farti soffrire su tutta la linea…

  • Elisabeth

    mi domando sempre ( considerando che la serie al momento e a 15 libri e non sembra ancora avere una fine) se gli autori gireranno tutti gli episodi, perché se così sarà non vedo l’ora di leggere i tuoi commenti XD XD outlander farà un baffo a beautiful gente che resuscita dietro ogni angolo xD

  • Elisabeth

    mi domando sempre ( considerando che la serie al momento e a 15 libri e non sembra ancora avere una fine) se gli autori gireranno tutti gli episodi, perché se così sarà non vedo l’ora di leggere i tuoi commenti XD XD outlander farà un baffo a beautiful gente che resuscita dietro ogni angolo xD

  • LoneRanger

    Lotte Verbeek e’ una attrice stupenda (vedi I Borgia). Geillis Duncan un personaggio straordinario creato dal talento letterario di Diana Gabaldon.

    Ma vedremo un paio di libri oltre (Voyager, oppure Drums of Autums) i veri scopi e la vera natura di Geillis…e il suo nuovo incontro con Clare…

    Spero di veder il tutto grazie àl talento professionale di Ron Moore.

  • LoneRanger

    Lotte Verbeek e’ una attrice stupenda (vedi I Borgia). Geillis Duncan un personaggio straordinario creato dal talento letterario di Diana Gabaldon.
    Ma vedremo un paio di libri oltre (Voyager, oppure Drums of Autums) i veri scopi e la vera natura di Geillis…e il suo nuovo incontro con Clare…
    Spero di veder il tutto grazie àl talento professionale di Ron Moore.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *