Outlander 3: Anticipazioni da Sam Heughan e Caitriona Balfe su Jamie e Claire

outlander 3 sam heughan caitriona balfe jamie claire

Questo articolo contiene spoilers sul finale della stagione 2 di “Outlander” e indicazioni vaghe sulla trama del terzo libro dei romanzi di Diana Gabaldon, “Voyager”, su cui sarà basata la stagione 3. Se volete affrontare la stagione 3 senza sapere cosa potrebbe accadere, fermatevi qui e non proseguite oltre.

La stagione 2 di “Outlander” è iniziata con una Claire Fraser disorientata (Caitriona Balfe) ritornata nel 1948 attraverso il cerchio di pietre a Craigh na Dun, da sola e incinta, e riunendosi a malincuore con il suo primo marito, Frank (Tobias Menzies). Nella premiere, abbiamo visto Claire e Frank mentre negoziavano su come potrebbero crescere un figlio insieme, nonostante la loro relazione fosse compromessa irrimediabilmente per via dell’assenza di Claire e dell’uomo di cui si è innamorata durante quel tempo lontana.

L’episodio 2×13, intitolato “Dragonfly in Amber”, ci ha mostrato i momenti strazianti che hanno portato a quella riunione, poiché il secondo marito di Claire, Jamie (Sam Heughan) l’ha convinta a ritornare alla sua epoca allo scopo di proteggere lei e il loro figlio non ancora nato, considerando che lui era destinato a morire con i suoi uomini nella Battaglia di Culloden.

Ciò dava l’aria di essere la fine della storia di Claire e Jamie (sebbene i fans dei romanzi di Diana Gabaldon fossero già al corrente che esiste ancora tantissima storia da raccontare, con otto libri pubblicati fino ad ora e altri in arrivo – per non parlare del fatto che lo show è stato già rinnovato per la stagione 3 e la stagione 4), fino al momento in cui Claire ha scoperto che Jamie è sopravvissuto sia a Culloden sia alle esecuzioni riservate ai soldati Giacobiti una volta conclusa la battaglia; questo significa che esiste una possibilità per loro di ricongiungersi ancora se lei decidesse di riattraversare il cerchio di pietre – nonostante i 20 anni di separazione.

Dato il  numero di libri che compongono la saga scritta dalla Gabaldon (e il fatto che il pubblico probabilmente sarebbe insorto se Sam Heughan all’improvviso fosse scomparso dallo show), non è realmente uno spoiler dire che Claire e Jamie un giorno si ritroveranno di nuovo.

“Ci sono molte sfide nella stagione 3 – innanzitutto l’arco di tempo in cui Claire e Jamie sono separati; lui pensa di averla persa per sempre, o perlomeno che lei è viva e sta bene ma nel futuro, quindi [Jamie] per quale motivo sta vivendo? Che tipo di uomo è adesso?” osserva Heughan. “[Claire] prima o poi ritornerà, ma entrambi saranno più maturi, perciò chi è Jamie, chi è l’uomo che è diventato da quando si sono visti per l’ultima volta?”

Tali domande – “chi è Jamie senza Claire, perché è sopravvissuto, cosa deve fare per vivere una volta che ha perso la donna che ama” – saranno centrali per il personaggio nella stagione 3, secondo Heughan.

Ed è proprio qui che risiede la tragedia e la passione al centro della serie “Outlander”, che, malgrado le sue sensibilità vincolanti di genere, esplora acutamente le talvolta dure realtà di una relazione duratura, con tutte le glorie, le complicazioni, i piaceri e i dolori che l’accompagnano. Quando trovano il loro modo per tornare insieme dopo decenni trascorsi separati, Claire e Jamie dovranno imparare di nuovo cosa significa essere una coppia, qualcosa che Balfe ammette sta attendendo con ansia nella stagione 3.

“Credo le parti più eccitanti saranno la reunion tra Claire e Jamie e il loro riscoprirsi e innamorarsi di nuovo. Penso che forse entrambi abbiano posto l’altro su un piedistallo per 20 anni, quindi sotto molti aspetti, dovranno distruggere quell’immagine prima di innamorarsi della persona che ora hanno davanti, e sarà davvero interessante. Amo questa complessità, perché non puoi essere innamorato di un fantasma, e Claire in un certo senso è innamorata del fantasma di Jamie, allo stesso modo Jamie è innamorato del fantasma di Claire, ma non sono più quelle persone quando si rivedranno.”

Il finale della stagione 2 può aver fatto un salto avanti nel tempo per presentarci la figlia di Claire e Jamie, Brianna, agli inizi della sua vita adulta, ma abbiamo ancora 20 anni di tempo perduto da rivisitare, ed è improbabile che la serie lo tralasci tutto, soprattutto perché quelle esperienze di vita avranno forgiato inevitabilmente chi sono Claire e Jamie, adesso che hanno raggiunto la mezza età.

“Quello di cui sono più entusiasta riguardo alla prossima stagione è che vedremo anche, si spera, un po’ della sua evoluzione come madre”, dice Balfe. “Quindi anche se siamo saltati avanti nel tempo nell’episodio 13 per vedere Claire 50enne, spero che vedremo un po’ di quel viaggio compreso tra la fine dei suoi 20 anni fino ai 50 anni.”

Mentre gli attori dovevano ancora leggere i copioni della stagione 3 quando hanno parlato con Variety prima che andasse in onda il finale, “Voyager” della Gabaldon ci fornisce alcuni indizi su ciò che potremmo vedere nella nuova stagione, compresa una resa dei conti finale tra Jamie e il Black Jack Randall di Tobias Menzies, che come sappiamo era destinato a morire a Culloden Moor.

“Se avete letto i libri saprete che Randall apparirà ancora una volta”, anticipa Heughan. “Diana so che ha scritto la scena di come si ritrovano di nuovo insieme, quindi possibilmente, e chissà, non ho letto ancora lo script, ma spero che riusciremo a vedere Jamie e Randall nella Battaglia di Culloden.”

E’ probabile che rivedremo anche Frank, per dare al pubblico un senso della realtà della sua relazione con Claire. Sappiamo da alcuni dei commenti di Brianna nel finale che il matrimonio dei suoi genitori non è stato particolarmente idilliaco negli ultimi anni, e Menzies conferma che il piano provvisorio per la stagione 3 è quello di esplorare la dinamica di coppia a seguito del loro trasferimento a Boston, inclusa “la disintegrazione del loro matrimonio…è un po’ ‘Chi ha paura di Virginia Wolf’ a Boston, il che mi auguro sarà materiale molto emozionante con cui lavorare.”

Balfe concorda, “La relazione tra Claire e Frank è così ricca e complessa, non vedo l’ora di portarla in scena.”

Dopo l’intrigo politico di questa stagione, Heughan dice che la stagione 3 sembra un capitolo completamente nuovo”, con viaggi in climi tropicali ben lontani dal gelo della Scozia. “Si viaggerà molto, e penso sia uno dei piaceri di questo show – non è mai la stessa cosa, è in costante movimento e la prossima stagione sarà davvero una grande avventura.”

Che cosa siete più impazienti di vedere nella stagione 3 di “Outlander”? Esprimete i vostri pensieri nei commenti.

Fonte: Variety

Commenta via Facebook

Commenti

6 thoughts on “Outlander 3: Anticipazioni da Sam Heughan e Caitriona Balfe su Jamie e Claire

  1. L’aspetto piu’ eccitante sara’ vedere Ian il Giovane, e il ritorno di Geillis Duncan, che e’ il motivo per cui i nostri eroi salperanno per Giamaica e i Caraibi.

    Ma l’ avvenimento che non mi sorprende e’ la completa assenza di un riconoscimento di Outlander da parte dell’Accademia Emmy. E cosi’ l’Accademmia si e’ squalificata interamente.
    Ricordiamoci che nel 2014 il primo ministro britannico di allora Cameron intervenne personalmente per imporre un ritardo nella presentazione di Outlander sugli schermi TV britannici.
    Ovviamente Outlander ha uno spiccato carattere anti imperialismo britannico. Sono convinto che la politica ha a che vedere con lo “snubbing” di Outlander da parte dell’Accademmia Emmy.

  2. STO SCOPRENDO ADESSO oUTLANDER .
    hO VISTO LE DUE SERIE SIA IN LINGUA ORIGINALE CHE IN LINGUA ITALIANA E FRANCAMENTE SOPRATTUTTO I DUE PERSONAGGI PRINCIPALI PERDONO MOLTO CON LA VERSIONE ITALIANA .
    HO COMPRATO POI I LIBRI DELLE TRE SERIE TELEVISIVE E SONO RIMASTO IMPRESSIONATO DELLE 836 PAGINE DEL LIBRO “LA STRANIERA” .SOPRATTUTTO QUESTO TITOLO MI LASCIA PERPLESSO NON ERA MEGLIO CHIAMAARLO OUTLANDER OPPURE SASSONECH?

  3. Io ho letto tutti i 15 libri e quindi conosco tutta la storia. La trasposizione televisiva e’ abbastanza fedele e alcune diversita’ e mancanze possono essere giustificate. Quello che pero’ non mi e’ piaciuto e’ stato il modo di rappresentare l’episodio del matrimonio di Randall con la cognata. Il film stravolge completamente il senso della storia e aggiunge una scena di violenza veramente gratuita.

  4. Ho molta attesa per la terza stagione ma non ho letto il romanzo da cui e’ tratta la storia per cui non ne so nulla. Certamente quell’ emozione intensa che riescono a trasmettere sia la prima sia la seconda serie dubito si potra’ ripetere: i personaggi arrivati ai alla mezza età inevitabilmente perderanno molto la passione che comunicavano 20 anni prima.

  5. Ho notato che diverse serie della starz vengono trasmesse da amazon . E’ possibile che anche Outlander 3 e 4 verranno trasmessi nel canale Prime di Amazon?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *