Interviste,  Sam Heughan

SAM HEUGHAN: Dai primi passi a teatro alla fama mondiale

Sam Heughan / The Scotsman

Traduzione integrale dall’originale: “Outlander’s Sam Heughan – from youth theatre to global stardom”

Sam Heughan spera d’ispirare la prossima generazione di attori Scozzesi incoraggiando lo sviluppo di una rete locale di giovani talenti.

Come stella della serie tv dal successo globale “Outlander”, Sam Heughan ha il mondo della recitazione ai suoi piedi.

Ma ben lontano dal lasciarsi trasportare dall’entusiasmo e dalla seduzione delle luci, del fascino e dei riconoscimenti che accompagnano la fama, il nativo di Dumfries and Galloway Heughan sta ritornando alle proprie radici come patrono del Youth Theatre Arts Scotland (YTAS).

Insieme a Kenny McGlashan, direttore generale del YTAS, sta cercando d’ispirare i giovani di Scozia per accrescere in loro l’interesse per il mondo delle arti.

Prima di ottenere il ruolo in Outlander, Heughan è stato coinvolto in vari aspetti del teatro con sede a Edimburgo, dove è stato incoraggiato a presentare domanda per iscriversi alla scuola d’arte drammatica.

“Quando andavo a scuola, mi sono unito al Lyceum Youth Theatre e da lì il mio interesse ha iniziato a consolidarsi”, spiega. “Girovagando per l’edificio e guardando spettacoli, ho capito c’era qualcosa che amavo del teatro, così sono entrato nell’area manageriale, organizzativa. L’ho fatto per un po’ al Traverse dove ho lavorato con loro al festival ma piuttosto rapidamente ho realizzato di non essere tagliato per questo genere di mestiere; però mi ha dato una vera comprensione del teatro e della comunità coinvolta, e ho incontrato molti amici.” 

La convinzione che l’accesso alle arti non dovrebbe essere limitato dal luogo in cui vivi o dalla tua abilità a partecipare è il cuore di ciò che fa YTAS. Un recente sondaggio ha scoperto che circa il 60% dei suoi 100 membri offrono le loro attività per una cifra inferiore a 5 sterline o addirittura gratis, e praticamente tutti loro offrono borse di studio a chi frequenta.

“Penso possa esserci la percezione che devi avere denaro ed essere della classe media, quando in realtà molto del lavoro del Youth Theatre è rivolto ad aree che affrontano multipli ostacoli,” spiega Kenny. “Youth Theatre non è soltanto per bambini precoci che vogliono cantare e ballare davanti un pubblico”, Sam aggiunge. “E’ per tutti; è per una comunità, si tratta di essere supportato da tuoi coetanei. Impari abilità, non soltanto la recitazione ma tutti gli altri aspetti – lavorare in TV, nell’industria cinematografica e a teatro.”

Prima di raggiungere uno status di venerazione per il suo ruolo come Jamie Fraser in Outlander, che Sam descrive come “una storia d’amore che miscela avventura e storia con i viaggi nel tempo”, è stato nominato nel 2002 per la sua parte in “Outlying Islands” di David Greig, è apparso in “Midsomer Murders” e soap opera targate BBC come “Doctors” e “River City”. Attribuisce molto del successo nel corso della sua carriera proprio alla sua partecipazione al YTAS.

“Sono stato fortunato perché ero uno dei più ‘anziani’ in quel particolare anno e quindi mi hanno usato varie volte nei loro spettacoli principali, come una sorta di extra onorario, così ho potuto conoscere molti attori e molte persone che ammiravo”, ricorda. “Molto velocemente ho conosciuto chi era coinvolto nell’industria Scozzese, chi gestiva teatri e ciò mi ha dato l’opportunità di capire come funzionava il business. Mi ha formato, facendomi capire come dovevo stare sul palco, come lavorare sulla mia voce o come prepararmi per un ruolo – piccole cose, ma quando sono andato alla scuola drammatica sentivo di essere ben preparato per quel mondo”.

“Quello che mi piacerebbe instillare è che se vuoi unirti al Youth Theatre, è una rampo di lancio per maggiori prospettive di carriera”, dice del suo ruolo come patrono.

Un’intera comunità e stile di vita esistono attorno al settore delle arti in Scozia, dal teatro, alla televisione al cinema. Tuttavia, incoraggiare a diventarne una parte attiva è uno degli ostacoli che Sam e Kenny devono superare.

“Le persone possono entrare a qualsiasi livello e progredire come vogliono”, Kenny spiega.

In vista del Scotland’s Year of Young People che sarà nel 2018, YTAS mira a giocare un ruolo importante e d’ispirazione, uno che non può essere raggiunto senza fondi. Kenny crede che una delle maggiori sfide per il futuro sia il finanziamento locale da parte delle autorità. “Nei prossimi anni dovremo farci sentire dalle autorità località perché questo è davvero un lavoro vitale, non è soltanto un qualcosa di bello da avere ma avrà un impatto per i giovani e la comunità se verrà meno il supporto.”

YTAS è una delle organizzazioni creative regolarmente sostenute dalla Scozia per il 2015-2018 e riceve circa la metà del suo fatturato annuale dalle arti per coprire i suoi costi. A parte questo, il 25% viene raccolto da vari progetti e corsi formativi con l’altro 25% proveniente dalla raccolta fondi.

Un gruppo generoso creato dai fans di Sam, chiamato “Heughligans”, ha raccolto più di diciannovemila dollari (circa tredicimila sterline) attraverso una pagina JustGiving per supportare YTAS. La loro generosità non è passata inosservata dalla star che li descrive “fantastici e di grande supporto”.

Anche se mancano ancora alcuni anni al Year of Young People, qualcosa di molto speciale sta arrivando nella loro comunità, che Kenny crede sia collegato al referendum per l’indipendenza del 2014. Dice: “Abbiamo visto giovani diventare sempre più impegnati nell’esprimere la loro voce e coinvolti nella politica dal momento del referendum. C’è qualcosa di veramente interessante in questo, adesso c’è qualcosa di davvero speciale in corso riguardo alle arti e sarà molto interessante vedere tra 20 anni quale impatto avrà sul teatro per i giovani e anche per l’industria televisiva e cinematografica.”

Sam aggiunge: “La Scozia sta fiorendo nel settore televisivo e cinematografico. So che alcune grandi produzioni arriveranno qui e penso che se riusciremo a coinvolgere sempre più giovani in questo settore, ciò pagherà i suoi frutti in futuro.”

Youth Arts Theatre Scotland è stato istituito nel 2004 e adesso vanta 28,500 giovani e 1,800 volontari coinvolti nelle attività in giro per il Paese. Questo Novembre, il gruppo lancerà il Chrysalis Festival al Traverse Theatre in Edimburgo per mettere in mostra il talento emergente, alimentare il dibattito critico e sfidare le percezioni del teatro per i giovani scozzesi.

Share This
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *