Interviste,  Outlander,  Sam Heughan,  Stagione 1

Outlander: Sam Heughan racconta l'importanza della spanking scene

“Outlander”, la storia d’amore del momento che parla di un viaggio nel tempo, tornerà sui nostri schermi questa domenica, con una scena molto controversa che gli stessi attori (Sam Heughan e la sua co-star Caitriona Balfe) hanno ammesso di essere stati “insicuri” su come girarla.

La star Caitriona Balfe, interpreta Claire Randall , un’infermiera dell’esercito britannico del 1945, che si ritrova inavvertitamente indietro nel tempo nel 1743 ed è costretta a sposare un guerriero scozzese di nome Jamie (Heughan). I due verranno travolti in una appassionata ma complicata storia d’amore .

I fan dei romanzi bestseller della saga scritta da Diana Gabaldon, libri che poi hanno ispirato lo show, sono in fremente attesa di vedere la scena fondamentale (quella della sculacciata) della premiere di metà stagione.

Scena nella quale Jamie tenta di colpire con una cinta, le natiche di Claire, per punirla.

Heughan ammette che la sua prima reazione alla lettura della suddetta scena, è stata: “Wao! Stiamo davvero per girare questa roba?”

Ma poi si guarda alla storia della saga e si dice: “si, è una scena molto importante, facciamola”.

“E’ un uomo del tempo, è così che è cresciuto. Ha bisogno di darle una lezione e lei di imparare. Claire ha quasi fatto uccidere della gente, mettendo tutti in pericolo. E quindi è importante che venga punita.”

Alla fine il tutto si trasforma in “un momento davvero positivo”, aggiunge Heughan.

“Se Jamie crede o meno che punirla sia la cosa giusta da fare, è comunque quello che deve fare in qualità di uomo. E in realtà quel momento diventa in seguito davvero positivo, poiché entrambi imparano molto l’uno dell’altra e la loro relazione fa un passo avanti.”

La serie, prodotta da Ronald D. Moore (“Battlestar Galactica”, “Star Trek: The Next Generation”), ha debuttato lo scorso agosto e ha rilasciato otto puntate prima di prendersi una pausa.

Lo scozzese Heughan, che è stato nominato per un Laurence Olivier Award nel 2003 per il suo ruolo nella commedia “Outlying Islands”, dice di essere stato attratto da “Outlander”, perché gli piaceva che avesse un personaggio femminile molto forte e che Moore fosse al timone.

“E poi la possibilità di interpretare un personaggio come questo, è straordinaria”, aggiunge. “Spade e cavalli – geniale”

Lo show è strettamente fedele ai libri della serie e lo stesso Heughan ha ammesso di aver letto più volte il primo libro, prima di cominciare con le riprese.

Studia anche con un tutor di dialetto scozzese e gaelico.

L’attore sta leggendo il secondo libro, prima di cominciare con le rirpese della seconda stagione, il prossimo mese.

“Ho ricevuto il copione dei primi due episodi per la seconda stagione, e li ho letti velocemente durante la pausa pranzo. Ho pensato: Wow, che succede?”, dice con un grande sorriso. “E ‘stato davvero emozionante.”

Outlander ritornerà il 4 Aprile, sul canale Starz.

TimesColonist

Share This
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

6 commenti

  • LoneRanger

    Le “sculacciate” (si tratta in effetti di vere e proprie frustate fatte con una cinghia a banda larga) aiutano Claire a rendersi sempre piu’ conto del suo nuova mondo, e a prendere una decisione cosciente della sua nuova realta’.

    LR

  • LoneRanger

    Le “sculacciate” (si tratta in effetti di vere e proprie frustate fatte con una cinghia a banda larga) aiutano Claire a rendersi sempre piu’ conto del suo nuova mondo, e a prendere una decisione cosciente della sua nuova realta’.
    LR

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *