General News,  Outlander,  Stagione 2

"Behind the Scenes" della stagione 2 con Jon Gary Steele

Architectural Digest ha intervistato il production designer di Outlander Jon Gary Steele, che in un interessante viaggio dietro le quinte della stagione 2 ha svelato alcuni dettagli sui set che vedremo come le camere da letto, il bordello, la farmacia di Master Raymond e molto altro…

Outlander-second-season-set-design_01

“Volevo ornarlo e renderlo sopra le righe,” dice Steele di questa scena, filmata in location al ponte di Wilton Palace nell’Inghilterra del Sud. Le urne, l’edera, i reticolati, i lampadari sono stati inseriti per aggiungere dimensione e senso dell’opulenza.

Outlander-second-season-set-design_02

Le piccole foglie sulle modanature nel soggiorno di Claire e Jamie sono state oggetto di discordia. “Hanno fatto impazzire tutti,” ammette Steele. “Erano costose e difficili, il reparto costruzioni voleva che me ne sbarazzassi.” L’attenzione per il dettaglio non è passato inosservato nemmeno a Caitriona Balfe e Sam Heughan“Quando sono entrati per la prima volta, entrambi hanno esclamato, ‘Oh mio Dio, amiamo il nostro appartamento!’”

Outlander-second-season-set-design_05

La casa mette in risalto il design discreto eppure d’impatto di Steele. “Abbiamo optato per il colore grigio-talpa sulle pareti dell’intero appartamento perché non volevamo che fosse discordante con il resto, mentre i personaggi camminavano da una stanza all’altra” dice Steele. “Ma Parigi era il luogo più opulento del mondo all’epoca, quindi i colori che ho usato sono profondi, scuri e ricchi.”

Outlander-second-season-set-design_03

I designer di Outlander creano spesso set multiuso. Per questo motivo, la sala da pranzo dell’appartamento serve anche come camera da letto  (le pareti vengono scambiate). Praticamente orienta le decisioni da prendere partendo dalla dimensione dello spazio – la sala aveva bisogno di contenere 20 attori – al cibo presente sui piatti degli ospiti.

Outlander-second-season-set-design_04

“Dovevamo farla sembrare completamente diversa, quindi tutti i pannelli cambiano dal damasco al velluto, ci sono vari libri e arazzi,” dice Steele della trasformazione della camera da letto. Aveva 45 metri di arazzi lineari consegnati dal Lussemburgo. Steele: “Desideravo che sembrasse molto ricca, e solo le persone facoltose avevano arazzi.”

Outlander-second-season-set-design_07

E’ impossibile non vedere il coccodrillo (finto) appeso sul soffitto nella farmacia che Claire visita di frequente. Secondo Steele, “Abbiamo controllato alcune incisioni dell’epoca e scoperto che facevano davvero cose di questo genere. Era l’Illuminismo e la gente aveva questo genere di ‘pensili di curiosità'”, riempiti di teschi e ossa d’animali provenienti da creature esotiche e conchiglie. Ad un primo sguardo sembra un po’ bizzarro, ma poi ho imparato ad amarla.”

L’ attenzione è stata rivolta alle ceramiche che riempono gli scaffali del luogo. “Li abbiamo smaltati e consumati un po’ così che potessero sembrare più vissuti – erano bianchi e risaltavano troppo sullo schermo,” dice Steele. “Le persone pensano siamo pazzi quando ci preoccupiamo di questi dettagli, ma se qualcosa luccica in tv, l’occhio viene catturato immediatamente da quella cosa. Vogliamo che il pubblico elabori la sala nel suo complesso.”

Outlander-second-season-set-design_09

Steele ha scelto pareti di velluto turchese e modanature scintillanti nel set del bordello. Il pezzo forte è rappresentato da quello che Steele definisce come ‘Le lady scolpite’, una delle quali è mostrata in foto.

Outlander-second-season-set-design_10

Luci soffuse, pavimenti in parquet, pareti verde smeraldo e tessuti lussureggianti portano vita al bordello. “La luce delle candele conferisce alla sala la sua peculiare illuminazione tra alti e bassi, e i lampadari e applique in sottosfondo aggiungono un tocco di ostentazione,” dice Steele.

Outlander-second-season-set-design_11

Steele ha discusso a lungo dell’appartamento di Louise (Claire Sermonne) con la costume designer Terry Dresbach. “Louise è una dama frivola e viziosa. Quindi volevo che il suo appartamento avesse più decorazione di qualsiasi altro set, più merletto, più tutto. E’ eccessivo, ma volevamo rendere chiaro il concetto con il suo personaggio.”

Share This
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *