Musica – Stagione 4

[Acquista su Amazon]

Tutto quello che c’è da sapere sulla musica della Stagione 4.
(Dal blog di Bear McCreary)

La quarta stagione di “Outlander” racconta un viaggio drammatico: dalle animate strade dell’era coloniale di Wilmington, attraverso vaste distese di terre selvagge appalachiane, fino alle terre Cherokee e Mohawk. Questo viaggio passa dalla modernità degli anni ’60 alla soave tensione pre-rivoluzionaria dell’America del XVIII secolo. Queste impostazioni rappresentano una sfida per un compositore, poiché ogni epoca, cultura e posizione geografica offre potenziali influenze musicali per la colonna sonora. Il mio obiettivo era di assimilare tutte queste idee in una colonna sonora che aiuti il ​​pubblico a seguire i vari fili narrativi e sostenga il dramma. Oh, e volevo usare anche i banjo adesso!

CORNAMUSA E BANJOS

Il mio lavoro è iniziato quando ho deciso di riorganizzare una nuova versione di “The Skye Boat Song” per il tema principale della stagione. Cambiare il tema principale di una serie è relativamente raro in televisione, eppure questo segna la sesta, probabilmente settima, ripetizione dell’amata canzone popolare che ho prodotto per Outlander. (Le precedenti erano l’originale della stagione 1, le versioni “Francese” e “Giacobita” della stagione 2 e le versioni “Post Culloden” e “Caraibi” della stagione 3. Ho anche prodotto una versione “estesa” per l’album della colonna sonora della stagione 1, sebbene non è mai stato usato nella serie.)

Prima di iniziare a scrivere, i produttori mi hanno chiesto che la musica aiutasse a trasportare il pubblico in una nuova ambientazione. Volevano che la musica suonasse diversa. Con la stagione che si svolge interamente in America, era chiaro che questo nuovo arrangiamento per il tema principale – e la colonna sonora della quarta stagione nel suo insieme – sarebbe dovuto sembrare distintamente americano. Ho lavorato con un musicologo e ho studiato la musica popolare dell’America pre-rivoluzionaria. Forse non sorprende che la maggior parte delle canzoni folk americane di questa epoca siano state importate dall’Inghilterra, spesso impostate su nuovi testi. Una delle prime canzoni rivoluzionarie più famose fu “La canzone della libertà”, con testi di John Dickinson, e tuttavia traendo la sua melodia da “Heart of Oak”, l’inno della Royal Navy del Regno Unito, e la canzone irlandese “Here’s a Health”. (In effetti, ho già messo in evidenza questa canzone in modo prominente nei titoli di coda del finale della Stagione 3!)

Spogliati dei loro testi, queste canzoni coloniali americane sono essenzialmente britanniche, suonate per lo più sugli stessi strumenti con solo sottili pratiche esecutive che li separano. Se avessi musicato questa stagione di “Outlander” usando solo musica americana storicamente accurata, il pubblico avrebbe notato una differenza minima tra la colonna sonora di questa stagione e la musica di quando la nostra storia era radicata in Scozia. Ho dovuto guardare fuori dall’area di ciò che era storicamente accurato per trovare un nuovo suono. Ho scelto di integrarmi con la musica appalachiana del ventesimo secolo.

Una grande parte della storia si svolge nelle montagne appalachiane, una regione dell’America con una forte identità musicale. Nel corso di alcune centinaia di anni, la musica appalachiana è diventata quella che oggi classifichiamo come musica bluegrass, country e folk. Questi generi enfatizzano specifici stili vocali: toni vocali chiari e sonori accatastati in armonie triadiche, spesso caratterizzati da falsetti elevati. Questa musica ha anche diffuso strumenti come banjo, mandolino, violino e un dulcimer con cassa e manico, usato così spesso da diventare noto come dulcimer appalachiano (o di montagna). Dopo gli anni ’20, la musica appalachiana, grazie a registrazioni in studio commerciali, fu trasportata in tutto il mondo, raggiungendo un picco tale da avere un’influenza enorme sulla rinascita dell’interesse per la musica folk negli anni ’60.

I nostri principali protagonisti del viaggio nel tempo, Claire, Roger e Brianna, avrebbero avuto familiarità con questi suoni, così tanto che mi sentivo sicuro di impiegarli nella partitura strumentale. Sì, la musica appalachiana è stata sviluppata principalmente all’inizio del ventesimo secolo, ma offriva i suoni musicali che Claire e Brianna avrebbero associato alla regione. In effetti, i loro ricordi nostalgici del ventesimo secolo hanno influenzato le mie decisioni con la colonna sonora. Dopo tutto, non sto realizzando un documentario sull’America coloniale. Sto musicando il viaggio emotivo dei nostri personaggi.

(Questa stessa filosofia mi ha permesso di usare “The Skye Boat Song” come tema principale della serie, in primo luogo, nonostante non sia storicamente accurato nell’era giacobita. Le origini della melodia sono difficili da rintracciare e il testo di Robert Louis Stevenson fu scritto più di centocinquanta anni dopo, nel 1892. Tuttavia, a causa della straordinaria popolarità della canzone nel 1890 e all’inizio del XX secolo, sentii che Claire avrebbe conosciuto la canzone, quindi immaginai che la portasse con sé indietro nel tempo.)

Una delle grandi gioie del reinventare “The Skye Boat Song” per ogni stagione di “Outlander” è apportare cambiamenti audaci. E la “versione appalachiana” della quarta stagione potrebbe essere la più audace di sempre. Nella mia prima bozza, ho permesso alla cantante Raya Yarbrough di presentare la melodia a cappella, e poi l’ho gradualmente supportata con banjo, mandolino e dulcimer appalachiano. Alla sezione B, ho aggiunto al mix un basso verticale e le delicate pennellate di una batteria moderna. La sezione ritmica ci radica saldamente nella pratica della performance del ventesimo secolo. Per il ritornello finale, Raya è affiancata per la prima volta da nuovi cantanti! Ho portato i tre migliori cantanti bluegrass che conosco: Paul Cartwright, Ira Ingber e Matt Cartsonis.

Il produttore esecutivo Ron Moore e gli altri produttori sono stati così sorpresi e colpiti dal suono che hanno voluto osare ancor di più, chiedendo che Raya registrasse di nuovo la voce principale e che si appoggiasse di più negli stili bluegrass del nostro trio di supporto. Raya, il cui padre l’aveva immersa nel mondo del folk e del blues da quando era bambina, sapeva esattamente cosa fare. Ha nuovamente eseguito la canzone e così il tema principale della Stagione 4 è stato completato.

Quando rifletto sulle mie esperienze con questa canzone, mi viene da ridere pensando a che strano viaggio è stato! Nella prima stagione, avevo paura persino di cambiare una parola del testo! (Ron Moore ha suggerito di modificare “lad” in “lass” per riflettere le esigenze della storia. Da allora, ho piegato e adattato questa canzone in molti stili diversi che non avrei mai potuto prevedere in quel momento. Tuttavia, ad ogni cambio, l’integrità e l’anima della canzone rimangono chiare. Forse è per questo che la canzone stessa dura da così tanto tempo. Come tutte le canzoni folk immortali, esiste qualcosa di inerente al suo DNA musicale che gli consente di cambiare, evolvere, fondersi e adattarsi a nuove interpretazioni, pur mantenendo la sua identità. Sono grato a questa canzone per ciò che ha portato alla mia vita creativa, e mi chiedo cos’altro potrei farci!

Con la decisione di introdurre la strumentazione della musica appalachiana, la colonna sonora della Stagione 4 è nata. La strumentazione bluegrass può essere sentita nel primo episodio della stagione, ma a partire dal secondo episodio, “Do No Harm”, incide con il proprio segno musicale. Mentre Jamie e Claire arrivano a River Run, sentiamo il gentile suono del banjo e del dulcimer. Sono stato ispirato dalle immagini della loro barca fluviale, in quanto evocava ricordi di Huckleberry Finn e Tom Sawyer. Più tardi nell’episodio, una sequenza comica che coinvolge Rollo, dopo essere stato attaccato da una puzzola, ha fornito un’altra meravigliosa opportunità di appoggiarsi alla strumentazione appalachiana in uno stile giocoso. Da quell’episodio in poi, i colori bluegrass sono diventati importanti.

Per quanto riguarda quali elementi delle stagioni precedenti volevo conservare, sapevo che avrei preservato elementi della strumentazione scozzese, in particolare le varie cornamuse, pennywhistle e violini in stile scozzese, perché sono arrivato ad associare questi strumenti a Jamie e Claire. Ho sentito che era importante che il pubblico avesse un senso di familiarità quando guardava questa stagione.

Molti dei miei altri temi originali ricoprono ruoli importanti durante questa stagione, trovando spesso nuovi arrangiamenti in un ambiente chiaramente americano. Il pubblico ascolterà accenni del tema di Jamie e Claire, nonostante si passi a un suo ruolo più a sostegno che centrale. L’orchestra d’archi vola con diverse varianti del tema delle Pietre, rappresentando sempre i viaggi nel tempo. Parti del tema di Frank si ripetono in modo spettrale. Fergus e Marsali, John Gray e Willie hanno tutti temi che riecheggiano nelle loro scene. Murtagh, quel vecchio ribelle, è associato come sempre ad un arrangiamento di una canzone popolare scozzese, “L’ Addio di McPherson”, una melodia che sembra sempre rievocare qualcosa delle perdite che ha subito.

Trovare l’equilibrio tra temi nuovi e vecchi e colori strumentali alla fine si rivelerà la mia più grande sfida della stagione.

NUOVI TEMI

“Outlander” ha una colonna sonora tematica, con oltre una dozzina di temi importanti già stabiliti. La stagione 4 ha richiesto un nuovo materiale tematico che sarebbe arrivato a rappresentare nuovi personaggi, luoghi e archi narrativi. Questi nuovi temi andrebbero ad intrecciarsi con temi più vecchi per creare un ricco arazzo musicale. Credo che connessioni musicali di lunga data contribuiscano a consolidare la storia al pubblico e ad approfondire l’impatto dei momenti emotivi, anche se solo a livello subliminale.

Dei nuovi temi che ho scritto in questa stagione, nessuno era così importante come il tema di Brianna e Roger. Può essere una sorpresa per alcuni che Roger e Brianna non abbiano mai avuto il loro tema in precedenza. Nel mio post sul blog che parlava della loro introduzione, nel finale della seconda stagione, ho anche sottolineato la mancanza di un tema per Brianna, sostenendo che le sue sequenze riguardavano il suo inseguire il fantasma di Jamie. Nelle sue scene non c’era spazio per definirla musicalmente, quando non si era ancora definita. Questa decisione ha avuto un impatto sulla terza stagione, in cui Brianna e Roger hanno fatto apparizioni relativamente brevi, principalmente a sostegno della trama di Claire. Queste scene hanno anche lasciato spazio insufficiente per introdurre un tema. Invece, ho promesso di dare a Roger e Brianna un tema quando i tempi erano giusti e l’ispirazione mi avrebbe colpito.

Ora, all’inizio della quarta stagione, non solo Roger e Brianna si sono fatti avanti per rivendicare più tempo sullo schermo e maggiore peso narrativo, ma i produttori ed io stavamo iniziando a sentire che la colonna sonora si basava troppo sul tema di Jamie e Claire. Abbiamo pensato che fosse giunto il momento di introdurre un nuovo importante tema nella colonna sonora, che potesse servire come partner musicale per il tema di Jamie e Claire.

Nel realizzare il tema di Roger e Brianna, il mio obiettivo era quello di comporre un tema distinto ma che potesse eventualmente generare il tipo d’impatto emotivo, nel corso di più stagioni, che credo il tema di Jamie e Claire abbia con il pubblico. Ho attinto pesantemente da entrambe le influenze musicali degli anni ’60 e dall’influenza bluegrass sulla colonna sonora. Un semplice ostinato su chitarre acustiche suonate con la tecnica del fingerpicking fornisce le basi del tema..

seguita da una melodia delicata, eseguita con il mandolino.

Il tema è simile a quello di Jaime e Claire, con sottili riferimenti e influenze scozzesi. Ad esempio, all’interno della linea della melodia sono racchiusi esempi dell’iconica figura di nota ascendente che si verifica sui beat della musica scozzese. Nella sua forma più pura, il loro tema evoca anche la musica popolare popolare degli anni ’60 e si adatta allo stesso tempo alla partitura strumentale influenzata dagli Appalachi. La mia speranza è che questo sottile senso di modernità serva da costante promemoria del fatto che questa coppia proviene da un tempo più vicino al nostro.

Il tema di Roger e Brianna appare per la prima volta nell’episodio 4.01, durante la malinconica conversazione di Jamie e Claire su come l’America diventerà il suo paese nel futuro. Negli episodi successivi, è presente in ogni scena in cui appare uno tra Brianna e Roger, in quanto rappresenta entrambi i lati della loro relazione tumultuosa e i loro viaggi l’uno verso l’altro. Alcune delle mie ricorrenze preferite del tema di Roger e Brianna includono la sequenza estesa in cui Brianna arriva nel passato in “Down the Rabbit Hole”. Qui archi orchestrali malinconici affermano il tema delle Pietre, intrecciandolo al penetrante mandolino solista del tema di Brianna. La musica unisce i suoni della prima e della quarta stagione, sostenendo subliminalmente per il pubblico l’idea che Brianna abbia viaggiato indietro nel tempo.

Ci sono diverse dichiarazioni emotive del loro tema in “Wilmington”, in cui Roger e Brianna si riuniscono. La mia preferita è probabilmente la cerimonia del handfasting, in cui le singole note del tema vengono tirate fuori elegantemente e lentamente, su uno sfondo delicato d’armoniche di archi, prima di un crescendo energico d’archi d’orchestra, con il supporto di un violino solista. Un altro momento straordinario è quando Brianna abbraccia per la prima volta suo padre in “The Birds & The Bees”. Qui, l’orchestra d’archi supporta la melodia in una nuova linea di basso discendente, dando al suo tema un diverso colore emotivo. Il tema di Briana si può persino trovare nascosto tra gli ornamenti barocchi influenzati da Mozart nel momento in cui Jocasta presenta Brianna ai potenziali pretendenti in “If Not For Hope”. I momenti più salienti del tema si trovano forse in diverse sequenze integrali del finale, “Man of Worth”, tra cui la riunione emotiva di Roger e Brianna.

Il tema Roger e Brianna è stato il nuovo tema più frequente della stagione, ma non l’unico nuovo materiale significativo che ho introdotto. La quarta stagione presenta un nuovo personaggio malvagio, Steven Bonnet, interpretato con vile astuzia da Ed Speleers. Sono stato subito colpito dalla sua presenza e volevo scrivergli un tema che potesse sostenere il suo “villain”.

Il tema di Steven Bonnet è maligno, costruito da piccoli intervalli ricorrenti che gli conferiscono una qualità contorta e sinistra. Ancora una volta traendo ispirazione dalla nuova strumentazione per la stagione, il più delle volte espongo il suo tema su dulcimer e mandolino, chiedendo agli esecutori di lasciare il suono del tasto, i graffi e altre irregolarità delle esibizioni dal vivo che producono un suono grezzo. Il tema di Bonnet suggerisce anche le sue origini irlandesi. In effetti, la mia bozza iniziale del suo tema include una sezione B ispirata alle bobine irlandesi, che si avvicinava quasi a un suono di Young Dubliners o Chieftans. In fin dei conti, è stata principalmente la sezione A che ha trovato posto nelle sue scene di questa stagione, ma sto conservando quella versione più lunga del suo tema per usarla in futuro, se fosse necessario.

Tecnicamente, il tema di Steven Bonnet fa il suo debutto nell’episodio 4×01, eseguito sottilmente quando Jamie e Claire decidono di aiutarlo per liberarsi. A questo punto della storia, la sua natura malvagia è nota solo ai fan che hanno letto i libri. Musicalmente è presente una versione chiave del suo tema, sperando d’indurre il pubblico a pensare, a questo punto, che sia una persona loro amica. Quel tema amichevole di Steven Bonnet ha vita breve. Il suo tema ricorre poi in “Down the Rabbit Hole”, sostenendo la sua intimidazione nei confronti di Roger mentre attraversano l’Atlantico. Il suo tema è anche presente durante l’orribile scena dello stupro alla fine di “Wilmington”, e ricorre in una variazione maliziosa in “Providence”, per la sequenza in cui Brianna affronta Bonnet in prigione.

Spesso in “Outlander”, ho usato la musica per rappresentare luoghi con la stessa forza con cui ho rappresentato personaggi, avendo introdotto temi musicali per rappresentare la Scozia, Parigi, i Caraibi e ora le montagne selvagge dell’est americano. Tuttavia, una posizione in particolare, Fraser’s Ridge, ha dato il via a una conversazione sull’introduzione di un tema ancora più specifico.

Abbiamo messo gli occhi su Fraser’s Ridge alla fine del terzo episodio, “The false bride”. Questo è il luogo in cui Jamie e Claire mettono radici in America, un impegno che continuerà ad avere un significato narrativo in futuro. La mia prima bozza della sequenza presentava il tema di Jamie e Claire, dato che era chiaramente un grande momento per loro. Quella demo ha scatenato una conversazione tra lo showrunner Ron Moore, gli altri produttori e me stesso sulla possibilità di introdurre un nuovo tema.

Il tema di Jamie e Claire è arrivato a rappresentare le loro avventure tumultuose e appassionate. In questo contesto, tuttavia, tutti abbiamo sentito che la forza del tema stava diventando la sua debolezza. Era una melodia troppo familiare per essere rappresentata in una scena che parlava di nuovi inizi. Nella scena in cui Jamie e Claire guardano dall’alto di Fraser Ridge la loro nuova patria, dovremmo pensare al futuro e non al passato. Ron ha suggerito di introdurre un nuovo tema per Fraser’s Ridge, idea che mi ha trovato concorde perché si trattava di un momento abbastanza significativo da meritare la sua musica.

Dato che Jamie e Claire stanno iniziando la loro nuova vita in America, mi sono appoggiato pesantemente alla strumentazione bluegrass e appalachiana, arrivando al punto di riportare anche il basso verticale e la batteria. Il tema di Fraser’s Ridge è una semplice melodia in 6/8, costruita attorno a un’oscillazione gradualmente crescente tra Re maggiore e Mi maggiore che alla fine rivela la loro relazione in un salto soddisfacente verso La maggiore.

Abbiamo ascoltato per la prima volta questa imponente progressione di accordi alla fine di “The False Bride” con quella splendida panoramica, raffigurante Jamie e Claire che guardano l’orizzonte. La sezione ritmica bluegrass e gli archi sinfonici aumentano insieme in un bellissimo crescendo, uno dei miei momenti musicali preferiti della stagione.

Dopo quel memorabile debutto nel terzo episodio, il tema di Fraser’s Ridge fa altre apparizioni in “Common Ground” e “The Birds & The Bees”, aggiungendo un supporto fiducioso alle scene in cui i Fraser stanno costruendo la loro nuova vita in America.

Ron Moore ed io non intendevamo che questo tema sostituisse completamente il tema di Jamie e Claire, che ha ancora un posto in entrambi i nostri cuori. L’idea era, invece, quella di aumentare la loro identità musicale, introducendo materiale tematico con il solo scopo di sostenere la loro nuova vita in America, libera dai ricordi del passato. Il tema di Fraser’s Ridge è uno degli sviluppi musicali più significativi della stagione e non vedo l’ora di usarlo di più in futuro.

LA PRESENZA DEI NATIVI AMERICANI

Forse lo sviluppo musicale più particolare di questa stagione è l’introduzione della strumentazione dei nativi americani. Alludendola per la prima volta nella misteriosa sequenza di apertura della premiere, ho trovato l’opportunità di esplorare completamente questi suoni a partire dal terzo episodio, “The false bride”. Ciò che è iniziato con una nuova strumentazione sottile durante una sequenza da panico in cui Claire vede per la prima volta Otter Tooth, alla fine si evolve in una tavolozza musicale completamente nuova che supera virtualmente l’intera colonna sonora mentre la narrazione si tuffa nei conflitti con le tribù Cherokee e Mohawk.

Ho sentito con forza che la presenza dei nativi americani nello show avesse bisogno di essere supportata con strumenti autentici, e quindi ho attinto prevalentemente da percussioni e fiati, aggiungendo voci per sequenze straordinarie. Per la maggior parte delle scene, ho enfatizzato i tamburi simili nel timbro a quello che sarebbero stati eseguiti da queste tribù, appoggiandosi pesantemente a tamburi a due teste in stile pueblo, tamburi sciamani e tamburi di pelle di cervo. Sono stati usati vari sonagli, tra cui baccelli di semi legati insieme con corde, sonagli di zucca e un sonaglio di guscio di tartaruga. Per le sequenze più eteree di Otter Tooth o le sequenze d’azione che richiedevano più tonalità, ho attinto a toni più esotici da tutte le Americhe, aggiungendo il qilaut Inuit, gusci di tartaruga suonati come tamburi e il teponatztli azteco.

Mentre queste tonalità hanno fornito la spina dorsale della maggior parte delle scene che coinvolgono i nativi americani, diverse sequenze si sono distinte per aver bisogno di qualcosa di speciale. Ho aggiunto una voce in primo piano alle loro già emozionanti palette strumentali. In genere, la presenza di voci o cori in “Outlander” veniva sempre usata per rappresentare il viaggio di Claire, o il Cerchio di Pietre, o “The Skye Boat Song”. Questa è la prima volta che una presenza vocale così nuova è stata introdotta nella partitura e spero che abbia avuto lo stesso impatto sul pubblico che ha avuto su di me!

La prima sequenza del genere si è verificata in “Common Ground”, durante il confronto di Jamie con “l’orso”. Questo passaggio della partitura si basa sulla Cherokee Bear Dance e la voce è stata eseguita da un talentuoso cantante dei nativi americani di nome Jaraneh Nova. Sono rimasto assolutamente sbalordito dalla sua personalità musicale, ed ero elettrizzato dal modo in cui ha integrato il suo suono nella colonna sonora ed elevato il dramma.

“Ho potuto sentire il rispetto che “Outlander” rivolge ai popoli della Prima Nazione, in che modo apprezzano e onorano veramente l’autenticità”, ha dichiarato Jaraneh, riflettendo sulla sua esperienza con la colonna sonora. “Le sessioni sono state un bellissimo incontro tra la mia esperienza cerimoniale e la mia musicalità, mentre servivano per narrare lo svolgimento storia. Trovare le linee vocali all’interno della brillante colonna sonora di Bear è stato un vero piacere! Mi è particolarmente piaciuto rispecchiare l’emozione in scena con la voce. Alte vibrazioni e grande divertimento! ”

Dopo la nostra prima sessione, ero alla ricerca di un’altra sequenza in cui presentare Jaraneh. Quell’occasione sarebbe arrivata nel finale, durante la scena in cui Claire ascolta la storia di Otter Tooth. Durante questo passaggio, la voce di Jaraneh ritorna, impostata sopra inquientanti synth ambient, archi sinfonici e percussioni dei nativi americani. Qui, Jaraneh canta parole e frasi comuni per i Mohawk, facendo occasionali, lievi omissioni per adattare le parole allo spazio offerto dal dramma. Il testo include:

Yoon gwa no loon gwa gaw
_We love the water
_(“gaw” è un’abbreviazione di “Oh ne gaw”, che significa “Water”)
Yoon gwa way ah aye
_We love, vocable
Yoon gwa no loon gwa
_We love
Way ah way ah aye
_(Vocable, no meaning)
Yah, yah tewaka (tshennonin)
_No this is not happy, I am not happy
Yah yah skennen’ko’wa
_No great peace
Skennen’ko’wa
_Great peace
Shonkwaiatison
_ The Creator

“I nativi americani sono ancora molto presenti in questo mondo, anche se molti ci credono estinti”, ha detto Jaraneh. “Quindi, per me, avere l’opportunità di esprimere l’antica saggezza, la lingua e la preghiera attraverso il canto, in questi tempi moderni, è stata davvero una benedizione.”

Il lavoro del compositore che introduce musica culturale in una colonna sonora è sempre un insidioso atto di bilanciamento. Ho cercato di rappresentare gli aspetti della musica dei nativi americani nel modo più autentico possibile, tuttavia, ho anche dovuto affrontare le esigenze drammatiche di ogni scena. Di conseguenza, la strumentazione dei nativi americani finiva spesso intrecciata nel più ampio arazzo di archi orchestrali, strumentazione folk inglese e americana e percussioni moderne.

Uno dei migliori esempi di questo tipo di fusione musicale è forse il finale e i titoli di coda dell’undicesimo episodio, “If Not For Hope”. Ascoltate le solide basi fornite dalle percussioni e dagli strumenti a fiato dei nativi americani, a sostegno di una triste dichiarazione del tema di Roger e Brianna, in cui la giocosa ostinata chitarra ha fatto largo a profonde e dolenti battute di violoncello.

Musicare qualsiasi progetto di questa portata è un enorme lavoro di squadra e sono fortunato dall’essere supportato dai migliori del settore. Voglio prendermi un momento per ringraziare tutto il mio team di Sparks & Shadows per tutto ciò che fanno e per assicurarci che ogni volta arriviamo al traguardo, in particolare Kaiyun Wong e Marisa Gunzenhauser. Voglio ringraziare il mio team di scrittori aggiuntivi, in particolare Jason Akers, Omer Ben-Zvi, Sam Ewing, Joanna Pane e Michael Beach. I ringraziamenti sono dovuti a tutti i membri della Kraft-Engel Management, in particolare Sarah Kovacs, per tutto il loro supporto, e a Joe Augustine della Sparks & Shadows, e Jaime Cyr della Madison Gate Records, per il loro straordinario contributo allo sviluppo dell’album della colonna sonora. Voglio anche ringraziare il nostro instancabile gruppo di orchestratori, copisti, ingegneri, sequencer e artisti, con speciali ringraziamenti a Ryan Sanchez, Ryan Walsh, Nick Fister, Sergio Jiménez Lacima e Andy Harris. Sono grato ad ognuna di queste persone, ognuna delle quali lavora per lunghe ore per assicurarsi che la colonna sonora di “Outlander” risplenda in ogni modo possibile e sia all’altezza della straordinaria promessa della storia. La mia eterna gratitudine va a Ron Moore, Diana Gabaldon e a tutti i produttori della serie, per avermi dato l’opportunità di contribuire a questa serie unica.

Non avrei mai immaginato d’imbattermi in un singolo progetto che mi avrebbe permesso d’integrare sia cornamuse e banjo, esplorare ornamenti barocchi francesi, feroci poliritmi afro-cubani o creare un ibrido di musica popolare scozzese e americana, contrapposto a una base di ritmi percussivi dei nativi americani. Lavorare su “Outlander” continua ad essere una delle sfide creative più esaltanti della mia carriera e non vedo l’ora di vedere dove porterà il mio viaggio.

Share This
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •