Musica – Stagione 3

[Acquista su Amazon]

Tutto quello che c’è da sapere sulla musica della Stagione 3.
(Dal blog di Bear McCreary)

Non credo di aver affrontato una stagione televisiva così ricca come la terza stagione di “Outlander”. Separati da secoli nel finale straziante della seconda stagione, Jamie e Claire trascorrono i primi cinque episodi isolati nel proprio tempo, un viaggio narrativo che dura da due decenni. Questa stagione mi ha permesso di sviluppare ulteriormente temi familiari e di introdurre nuove melodie, strumentazione e sfumature nella partitura.

Una nuova stagione di “Outlander” non sarebbe completa senza una netta variazione di “The Skye Boat Song” per il tema principale. Ho introdotto la melodia nella prima stagione, combinando la strumentazione popolare scozzese, l’orchestra e la voce di Raya Yarbrough. All’inizio della seconda stagione, l’ho riorganizzato per la strumentazione barocca, mentre Raya ha eseguito alcuni passaggi in francese. A ciò è seguita una resa patriottica, che ha enfatizzato i rullanti e le cornamuse scozzesi, sottolineando l’attesa crescente per la battaglia di Culloden.

Dopo Culloden, il tema è cambiato di nuovo, e la mia speranza è che “The Skye Boat Song” sia più drammatica e introspettiva. Al posto di tamburi eccitanti, percussioni folk o viola da gamba, la voce di Raya è supportata da eterei archi d’orchestrali e arpa celtica. Al culmine, ho eliminato le percussioni e le grandi cornamuse scozzesi, per rappresentare la sconfitta degli scozzesi a Culloden e prefigurare i viaggi futuri. Tuttavia, il mio processo di modifica del tema non è stato solo sottrattivo. Al suo apice emotivo, il tema della terza stagione ha un ulteriore calore che è stato ottenuto introducendo una nuova sonorità nella colonna sonora di “Outlander”: l’ottone. Un corale in ottone composto da 4 corni francesi, 5 tromboni e 2 tube, aggiunge dimensione e modernizza subliminalmente il suono orchestrale. In seguito, l’ottone avrà un ruolo importante in un nuovo importante tema. Le modifiche che ho apportato al tema principale nella prima parte della stagione sono relativamente impercettibili, anche se i fan sembrano aver colto immediatamente l’assenza delle cornamuse più di ogni altra cosa!

* * * “The Battle Joined” * * *

Il primo episodio inizia con una sequenza di guerra brillantemente costruita, che raffigura la Battaglia di Culloden attraverso una serie di flashback mentre Jamie giace morendo nella brughiera. Non c’è musica di sorta per dieci minuti, una decisione che ha reso l’entrata inevitabile della partitura ancora più d’impatto. Archi orchestrali e cornamuse sognanti e riverberate emergono dal caos nel momento in cui Jamie vede Black Jack sul campo.

La colonna sonora per la sequenza che segue è stata ispirata dalla drammatica esecuzione della scena. Le battute orchestrali si intrecciano con crescente complessità, aumentando fino all’ultima, fatale pugnalata di Jamie. Alla fine, la musica scende alla voce solista di Raya: un accompagnamento etereo e arioso ai loro movimenti esausti. Più tardi, mentre Jamie sta morendo sotto il peso del freddo cadavere di Black Jack, ha una visione di Claire che si avvicina a lui, per la quale ho usato una disposizione corale del tema delle pietre.

Originario della memorabile sequenza della danza Druida del primo episodio, questo tema ha rappresentato molte cose durante la serie, tra cui magia, misticismo, viaggi e nostalgia. L’ho usato moltissimo nella terza stagione, per insinuare che Jamie e Claire hanno una connessione inspiegabile nel tempo e nello spazio. In effetti, ho composto due nuove varianti per i titoli di coda degli episodi 301 e 302, ognuno dei quali riflette le distinte emozioni dei momenti di chiusura di ogni episodio. (Il tema delle Pietre continuerà ad evolversi man mano che la stagione avanza, alla fine in una direzione abbastanza sorprendente.)

“The Battle Joined”, come i prossimi quattro episodi, salta avanti e indietro tra le storie di Jamie e Claire, una struttura narrativa che presenta una sfida per la musica. Lo avevo già affrontato con il finale della seconda stagione, in cui ho scelto di ignorare le differenze nel tempo e nello spazio, e invece ho cercato di unificare le due narrazioni con coerenza musicale.
Nella terza stagione, ho modificato un po’ di più i toni della loro musica. Per la storia di Jamie, mi sono appoggiato alla strumentazione popolare scozzese, in particolare alle piccole cornamuse e violino scozzesi. La trama di Claire presenta strumenti orchestrali più tradizionali e il pezzo occasionale della musica popolare degli anni ’60 per radicare la sua storia nella sua epoca.

Nel corso dei primi tre episodi, seguiamo la vita di Claire a Boston negli anni ’60 mentre vive con Frank. Assistiamo alle tensioni nel loro matrimonio e alla fine ci dissolviamo. Per queste sequenze sempre più strazianti, ho fatto molto affidamento sul tema di Frank:

Il tema di Frank risale al primo episodio ed è stato un tema importante sin da allora. Ispirato alle variazioni della canzone popolare inglese di Ralph Vaughan Williams, Gustav Holst e Benjamin Britten, ho usato il clarinetto orchestrale per rappresentare Frank, perché evoca una sensibilità delicata che potrebbe distinguersi dalle trame rudi e ricche di strumenti popolari scozzesi. C’è una delicata qualità nel tema di Frank che penso incapsuli il suo fascino. Alcuni dei miei momenti musicali preferiti della serie sono i suoi. Nella premiere della seconda stagione, ho scritto una versione lirica di questo tema per il montaggio in cui Claire decide di unirsi a lui a Boston, guardando bruciare i suoi vecchi vestiti. Quel passaggio è stato nella mia mente quando ho musicato la terza stagione, non perché stavo cercando di abbinarlo, ma perché mi stavo allontanando da esso. Le dichiarazioni del clarinetto solista diventano gradualmente più lente e sono supportate da un assottigliamento dell’accompagnamento orchestrale. Nel corso di tre episodi, il tema di Frank si trasforma lentamente nella sua più piccola rappresentazione musicale possibile, rappresentando il suo fatiscente rapporto con Claire.

Sebbene “The Battle Joined” enfatizzi Claire e Jamie, il mio ricordo più forte è quello di creare la musica per la morte di Rupert. Sono stato ispirato dalla sua volontà di perdonare Jamie e dal coraggio con cui ha affrontato la sua fine. Rupert fu uno degli ultimi sopravvissuti del memorabile gruppo di guerrieri delle Highlands della Stagione 1, quindi mi sentivo come se stessimo salutando non solo lui, ma i nostri giorni più innocenti a Castle Leoch.
Forse è stata quella nostalgia, di quei primi episodi, che mi ha ispirato a sottolineare i suoi ultimi momenti con “The Highland Widow’s Lament”. Ho usato questa canzone popolare tradizionale scozzese diverse volte, associandola ai sacrifici fatti dagli scozzesi nelle loro battaglie per la libertà. L’ho usato per la prima volta nell’episodio 105 “Rent” quando Claire e i suoi compatrioti scoprono e seppelliscono i guerrieri delle Highland crocifissi sul ciglio di una strada. L’ho usato di nuovo nell’episodio 201 “Through a Glass Darkly”, quando Jamie mostra le sue cicatrici a Jared, per convincerlo che la sua fede nella causa giacobita è autentica. La canzone è stata ascoltata l’ultima volta nel finale della seconda stagione, quando un violino solitario malinconico ha annullato le gloriose pretese di Bonnie Prince Charlie di una vittoria imminente, ricordandoci la conoscenza premonitrice di Jamie di un cupo futuro.
Il momento in cui ho usato questa canzone che è rimasta impressa nella mia memoria più di ogni altra è stato nell’episodio 210 “Prestonpans”. Rupert si svegliò vedendo che Angus era appena morto e si strinse la spada al petto per il dolore. Ho citato “Il Lamento della vedova delle Highland” lì, e non l’ho mai dimenticato.

Nella premiere della terza stagione, Rupert è di nuovo circondato da connazionali sanguinanti, ma è il suo turno di affrontare la morte. Un violino solista introduce “Il Lamento della vedova delle Highland” una volta che Rupert dice all’ufficiale inglese che desidera essere lui il prossimo a morire. Mentre Rupert si alza, dà il suo nome e esce, il violino è accompagnato da ariosi strumenti a corde orchestrali. Solo dopo aver ascoltato il colpo di pistola fuori inquadratura, la disposizione orchestrale si espande, aggiungendo profondi violoncelli e bassi per supportare la meravigliosa progressione di accordi della melodia.

* * * “Surrender” * * *

Mentre le canzoni scozzesi sono sempre state una parte importante della mia colonna sonora di “Outlander”, c’è un brano ben noto che ho sempre amato che non mi sono mai sentito a mio agio nell’includere: “Scotland the Brave”. Le melodie più famose che cito in “Outlander” risalgono a centinaia di anni fa, con melodie spesso precedenti al loro testo. “Scotland the Brave”, tuttavia, è diverso. La prima versione conosciuta risale solo al 1911 e non si è consolidata come canzone patriottica fino ai primi anni ’50, quando i testi sono stati scritti da un giornalista scozzese di nome Cliff Hanley. Ho sempre pensato che non potesse esistere nella colonna sonora di “Outlander” perché nessun personaggio dello show avrebbe mai potuto ascoltarlo.

Ciò è cambiato nel secondo episodio della stagione, “Surrender”. Ora alla fine degli anni ’60, Claire incontra un solitario suonatore di cornamusa nel parco che suona questa canzone; a quel punto era diventato l’inno nazionale non ufficiale della Scozia. Mentre non ero sul set quando hanno girato questa scena, ho avuto una mano nel ri-registrare questa esibizione di cornamusa e selezionare la canzone, ed ero entusiasta di includere finalmente “Scotland the Brave” in “Outlander”.

“Surrender” mi ha anche dato la possibilità di esplorare la strumentazione scozzese in altri modi. Nell’episodio, Jamie vive nei boschi oltre Lallybroch, diventando una versione selvaggia del suo ex sé. Ho rappresentato questo cambiamento appoggiandomi alla strumentazione rustica che ha sempre fatto parte della partitura. Ho chiesto ai miei artisti di suonare con un’interpretazione più libera, di lasciare che gli archi diventassero più graffiati e meno raffinati. Ho ripreso l’uso dell’orchestra per l’arco di Jamie qui, tranne alcuni momenti essenziali verso la fine.

* * * “All Debts Paid” * * *

Uno dei miei episodi preferiti in assoluto della serie fino ad ora, “All Debts Paid” mi ha dato la rara possibilità di sostenere una storia epica con un nuovo tema del personaggio. Ho spinto i confini in continua espansione della strumentazione della partitura e, come se ciò non bastasse, ho anche scritto l’intervento finale e definitivo su uno dei miei temi preferiti di “Outlander”.

La sequenza del titolo dell’episodio suggerisce il nuovo suono in arrivo, mentre un corno francese solista cita il ritornello finale di “The Skye Boat Song”. Questo segna il primo uso di spicco di uno strumento a fiato nella partitura, ma è solo un’annunciazione di ciò che verrà. Il corno francese è lo strumento principale per il tema più importante dell’episodio, il tema di John Gray:

Sono stato ispirato dal conflitto centrale tra John Gray e Jamie, che si evolve nel corso della storia. L’unicità di questa relazione e la mia passione per il personaggio mi hanno detto che John Gray avrebbe richiesto il suo tema. Ho scritto per il corno solista perché porta nobiltà e onore. Inoltre, il semplice utilizzo di uno strumento in ottone fa risaltare immediatamente il tema di John Grey, perché è il primo tema della serie a farlo.

Le scene di John con Jamie erano alimentate da un modello di orchestra 12/8, un riff che io chiamo John Gray Ostinato:

Questa trama è stata utile, perché è più sottile del corno e ha aggiunto intrighi e mistero per sottolineare la sottotrama del tesoro sull’isola di Silkies. Il tema di John Grey culmina quando John libera Jamie, cementando la loro relazione e il rispetto reciproco. Volevo sostenere questo episodio con un senso di grandiosità e aiutare a sottolineare i temi pesanti di sfida, fiducia e onore. Spero che questo tema abbia avuto successo in questo senso.

Per contrastare quei pesanti passaggi orchestrali, ho seguito la trama di Claire con un suono sempre più scarno. Qui, la sua relazione con Frank è passata al punto di rottura. Ho sostenuto la loro distanza emotiva utilizzando la minima quantità di informazioni musicali possibile. Non ho sentito il bisogno di aggiungere drammaticità alle scene, in parte a causa delle straordinarie esibizioni di Caitriona e Tobias. Così, invece, ho spesso usato poco più di un clarinetto solista che suona il tema di Frank per rafforzare sottilmente l’idea che queste due persone ben intenzionate si stessero dirigendo verso una calamità emotiva.
Quella calamità alla fine si manifesta alla conclusione dell’episodio, quando a Claire viene detto senza preavviso che Frank è morto in un incidente d’auto. Per la scena in cui visita il suo corpo, ho deciso di portare il tema di Frank in una nuova direzione creativa. Questa melodia era stata così strettamente associata alle loro lotte coniugali che qui sembrava inappropriato tornare all’improvviso al modo in cui suonava prima.
Invece, ho sperimentato un linguaggio armonico più moderno, per dare alla scena un senso di atemporalità. Ho usato un piano (uno strumento che fino ad oggi è stato ascoltato solo sul tema di Faith) per creare accordi lenti ed esaltanti. Dopo aver gettato le basi per archi e pianoforte, ho aggiunto il clarinetto solista e i violini, su una triste presentazione del tema di Frank. Questa funge da delimitazione musicale per l’arco narrativo di “Boston” in due stagioni, facendo riferimento musicale a quel mio spunto preferito nell’episodio 201 quando lui brucia i vestiti di Claire e si trasferiscono a Boston.
I titoli di coda dell’episodio includono il clarinetto solista che ottiene un’ultima asserzione del tema di Frank. Sapendo che questa era la fine del mio viaggio con questa melodia, le ho dato tutto ciò che potevo. Laddove di solito viene espresso nel profondo registro dello strumento, qui lascio che il musicista esegua un’ottava più alta, con un tono gentile e angelico. Quando ho scritto questo suggerimento, non mi ero nemmeno reso conto di avere lacrime che mi scorrevano sul viso da ore. Era difficile dire addio a un personaggio che amavo e a un tema che era stato con me sin dal primo episodio.

* * * Onwards * * *

La terza stagione continua ad evolversi, e anche l’uso della musica. I produttori ed io abbiamo avuto l’opportunità di usare la musica del periodo per i pochi episodi rimasti ambientati negli anni ’60, incluso un uso memorabile dell’iconico tema di “Batman” di Neal Hefti. Sono stato anche incantato dalla scelta di Ron Moore di usare la cover eseguita dai “Walk Off The Earth” di “A Hard Rain’s A-Gonna Fall” di Bob Dylan, perché ha segnato la seconda volta che ricordo una cover contemporanea di Dylan sia finita in uno show scritto da Ron.
Negli ultimi due episodi ambientati negli anni ’60, ho sviluppato più materiale musicale per Roger e Bree, anche se non ho ancora cementato un tema solido per la loro relazione. Sono fiducioso che alla fine finiranno con un tema musicale distinto, ma il momento giusto deve ancora arrivare per introdurlo.

Negli episodi recenti, ho introdotto un tema per Willie Ransom, sempre eseguito su un oboe solista. Ho scelto l’oboe, e l’ho scritto nel suo registro superiore, perché la sua trama di canna è simile a quella delle cornamuse Uilleann che spesso rappresentano Jamie, ma più piccola e più simile a un bambino.
Willie non sarà l’ultimo nuovo personaggio ad avere un tema in questa stagione. Fergus avrà presto un nuovo tema, per supportare la sua relazione con un personaggio particolare. In effetti, incontreremo rapidamente molti nuovi attori di supporto, molti dei quali finiranno con temi musicali caratteristici.
Quando scrivo per “Outlander”, ho il privilegio di comporre temi per personaggi memorabili che adoro. Quando provano gioia, la provo nei miei scritti. Quando muoiono, sento un vuoto personale, sapendo che il mio tempo nello sviluppo dei loro temi è finito. La mia musica si evolve insieme al loro viaggio drammatico. Finora, la terza stagione mi ha permesso di superare i limiti della colonna sonora, ma il più grande cambiamento musicale è ancora dietro l’angolo.

Nella seconda metà dell’epica terza stagione di “Outlander”, i nostri personaggi intraprendono un viaggio straziante, salpando attraverso l’Atlantico fino alla Giamaica, alla ricerca del giovane Ian. Come il passaggio dello show alle corti di Parigi nella seconda stagione, questo enorme cambiamento geografico doveva essere riconosciuto con un altrettanto sismico cambiamento nella partitura. Non riesco a immaginare nessun progetto diverso da “Outlander” che mi consenta d’impostare una melodia impetuosa di cornamusa su conga!
Un nuovo linguaggio musicale è immediatamente evidente nel titolo principale del nono episodio, “The Doldrums”. Qui, “The Skye Boat Song” inizia, come sempre, con la voce solista ossessionante di Raya Yarbrough, ma è inaspettatamente accompagnata da percussioni esotiche!
Quando penso alla musica caraibica, la mia mente corre immediatamente verso i poliritmi contagiosamente accattivanti della batteria afro-cubana. Queste scanalature spesso riverberano in tutta la mia famiglia, poiché mio suocero (il padre di Raya Yarbrough) è un abile percussionista in questo stile. Ero attratto dalla sfida di fondere i ritmi stratificati di conga, quinto e shaker, con una delle melodie più famose della Scozia. Sono stato piacevolmente sorpreso dal fatto che i due distinti stili musicali sembrassero fondersi magnificamente. Una volta approvata la mia demo concettuale del tema principale, sapevo di avere un prototipo funzionante per una palette sonora completamente nuova per “Outlander”.

Questo intriso suono afro-cubano può essere ascoltato in modo prominente durante la seconda metà della stagione. Oltre all’eccitante nuovo ensemble di percussioni, questi episodi hanno anche offerto nuove opportunità per introdurre nuovi temi caratteristici. Forse il più singolare dei nuovi temi è quello del personaggio di Yi Tien Cho, noto anche come Mr. Willoughby.

Il tema di Willoughby vive nel suo regno musicale, con l’introduzione della strumentazione cinese, tra cui il dizi (un flauto), l’erhu (uno strumento a corda) e un gu-zheng (uno strumento da strimpellare simile a un’arpa). La modalità pentatonica e i suoni unici, conferiscono al suo tema un carattere inconfondibile. Ho descritto il tema in modo più evidente in “The Doldrums”, in particolare nel discorso rivelatore di Willoughby all’equipaggio ammutinato sulla sua vita nella Cina imperiale.

Nel seguente episodio, “Heaven and Earth”, ho introdotto un nuovo tema (e certamente di breve durata) per Elias Pound.

Elias è un giovane guardiamarina sulla nave inglese The Porpoise, che è colpito da febbre tifoide. Forma un legame con Claire, che alla fine non è in grado di salvarlo dalla sua malattia. Mai prima d’ora ho scritto un tema per un personaggio che appare solo in un singolo episodio, ma la breve storia di Elias mi ha davvero colpito. Ho rappresentato la sua innocenza infantile facendo suonare il suo tema su un flauto dolce, uno strumento abituale nei programmi di musica delle scuole elementari in tutto il mondo. Lo strumento in realtà risale al Medioevo in Europa, e fu frequentemente utilizzato nei periodi rinascimentale e barocco. Ne sono stato attratto sia per la sua precisione storica sia per le associazioni moderne con l’infanzia.

Nel prossimo episodio, “Uncharted”, Claire si ritrova su una strana isola e trascorre il primo capitolo della storia in completo isolamento. Ho sottolineato il suo viaggio straziante introducendo strumenti ancora più esotici. Sulla sequenza del titolo dell’episodio, un ritornello spettrale di “The Skye Boat Song” viene eseguito su un flauto mediorientale chiamato Ney, mentre un Fujara slovacco offre sfumature svolazzanti in sottofondo. Durante l’episodio, l’ensemble di percussioni afro-cubane è aumentato con i toni vuoti dei bastoni per la pioggia, un ‘whale drum’ e altre insolite percussioni metalliche. La mia speranza era che questi suoni insoliti avrebbero aiutato il pubblico a sentirsi come se fossero stati improvvisamente lasciati cadere in uno nuovo strano posto.

Oltre agli strumenti insoliti, “Uncharted” introduce anche un nuovo tema. Mentre Fergus mette un anello al dito di Marsali al loro matrimonio sotto il cielo notturno dei Caraibi, un violino solista ci introduce al tema di Fergus e Marsali:

Anche se il loro momento è fugace, la melodia qui è abbastanza distinta che spero che alcuni fan lo abbiano colto. Anche se avessi trovato un altro momento in questa stagione per usarlo, ho sempre saputo che avrei voluto introdurre questo tema nella partitura prima della fine della stagione. Non ho scritto un tema per questi due personaggi perché questa scena lo richiedeva. L’ho fatto perché sento che potrei averne bisogno in futuro. Forse un giorno mi ricollegherò a questo post del blog, mentre discuterò su come questo tema sbocci in qualcosa di più sviluppato.

Gli ultimi due episodi sono stati un’enorme opportunità per creare nuova musica. Innanzitutto, sapevo di dover trovare un tema per rappresentare Geillis, che torna nella storia in “Bakra”, con intenzioni sinistre. Il tema di Bakra è in realtà una versione fortemente modificata del tema del cerchio delle Pietre!

Il tema delle Pietre è arrivato a rappresentare la magia e il misticismo associati al viaggio nel tempo soprannaturale in questa serie. Come tale, era il tema che tradizionalmente presentavo durante le scene con Geillis. Ora è tornata e si è rivelata una terrificante strega intenzionata a uccidere la figlia di Claire in futuro. Chiaramente, il tema etereo delle pietre non sarebbe appropriato per lei ora … o forse sì? Le macchinazioni malvagie di Geillis derivano dalle sue interpretazioni deformate della profezia. Pensavo che forse avrei potuto musicare il suo nuovo arco narrativo con una versione altrettanto distorta del tema delle Pietre che una volta la rappresentava.
Per fare ciò, ho modificato il tema delle Pietre facendolo eseguire su uno strumento turco chiamato yialli tanbur, uno strumento a corde metalliche con un timbro vocale in modo disarmante. Tuttavia, ho modificato in parte la melodia. La familiare modalità dorica del tema originale evocava la sensazione della musica popolare europea, ma ora questa variazione esiste in una bizzarra modalità, non naturale per nessuna cultura musicale. Il risultato suona come mai prima d’ora in “Outlander”: inquietantemente alieno, esotico e minaccioso.
Anche il New York Times ha sottolineato nella propria recensione: “Lo spunto musiciale strisciante dedicato a Geillis, creato dal compositore Bear McCreary, è probabilmente il mio preferito della stagione”.
Nonostante tutte queste alterazioni nel tema Bakra, credo che il DNA del tema delle Pietre rimanga intatto. Sono molto curioso di sapere se i fan hanno capito la loro somiglianza musicale. L’avete notato?

Ho anche composto un nuovo motivo di sfondo per il tema Bakra, che ritengo sia un motore utile di alimentazione attraverso il suo raccapricciante modulo. Questo motore era una semplice figura cromatica, con un salto di ottava incorporato:

Ho spesso inserito questa figura usando campane d’orchestra gamelan e arpa celtica. Per dare maggiore enfasi, di tanto in tanto ho aggiunto un solo lirico di viola da gamba. Era uno strumento utile da avere quando volevo fare riferimento al tema Bakra senza rischiare di abusare del tanbur.

Forse la più grande sfida della stagione è stata il rituale Voodoo nell’episodio finale. Questa enorme sequenza di dieci minuti includeva tamburi, ballerini, esposizione essenziale, flashback, combattimenti, rivelazioni e morte. Ho dovuto trovare un modo per sottolineare il dramma, riconoscendo contemporaneamente la batteria cerimoniale e la voce in sottofondo. A tale scopo, ho scritto due brani musicali uno sopra l’altro: uno strato di tamburi e cantanti, e uno strato di spartito drammatico. Ogni strato potrebbe teoricamente esistere da solo, ma li ho concepiti per lavorare insieme, aggiungendo ciascuno qualcosa di vitale all’altro. A differenza di una scena tipica, di cui curo la musica quando l’episodio si sta avvicinando al suo completamento, ho lavorato a stretto contatto con gli editori, in particolare Michael O’Halloran, fin dal primo montaggio della scena. Insieme, abbiamo cercato di garantire che la musica e l’immagine si evolvessero insieme organicamente, un processo che ha richiesto più di due mesi.

Il pezzo inizia con il livello musicale sorgente, la batteria. Quella musica cerimoniale acquista nuova linfa con l’ingresso della vibrante performance vocale di Joel Virgel. Dopo un minuto e mezzo, lo strato di spartito inizia a insinuarsi, crescendo lentamente in risalto fino a quando, alla fine, gli strumenti a corde orchestrali si innalzano con un’affermazione completa del tema delle Pietre (il vero tema, non la variazione Bakra) come Claire ricorda le danzatrici druidi del primo episodio. Per il resto della scena, i livelli sorgente e della colonna sonora si alternano spostandosi al centro della scena, ma mai completamente esistenti da soli. Verso la fine, aumento gradualmente il tempo, inizialmente sottilmente, ma alla fine modulando metricamente in una nuova indicazione di tempo mozzafiato per il finale violento.

Il viaggio del pubblico attraverso secoli e continenti funzionerebbe solo se si sentissero collegati a Jamie e Claire. Ero consapevole di mantenere sempre i loro temi in prima linea nella partitura, non importa quanto esotica fosse la disposizione intorno a loro. Questa filosofia è più evidente nei momenti climatici dell’episodio. Il culmine musicale della stagione inizia quando Claire cade nell’oceano durante l’uragano, in pace mentre scende nelle profondità oscure. Qui, i produttori ed io abbiamo giocato con la suspense, consentendo alla colonna sonora di citare il tema “Faith” della seconda stagione.

Introdotta da un piano solista nell’episodio in cui Claire perde tragicamente il suo primo figlio, questa melodia memorabile porta con sé un impatto emotivo immediato per qualsiasi fan dello show. Per questo motivo, mi riferisco solo a momenti potenti e drammatici, come questo. Mentre Claire affonda nell’acqua, la colonna sonora ci dice che è pronta a unirsi alla figlia perduta nell’aldilà.
Tuttavia, Jamie si tuffa nell’oceano vorticoso per salvarla, il suo coraggio, il suo amore sottolineati da un ostinato 6/8 dagli archi orchestrali. La musica si modula su una tonalità più alta, mentre l’arpa e il piano affermano ancora una volta il tema di “Faith”. Gli archi tumultuosi si muovono sempre verso l’alto mentre Jamie la riporta in superficie, in vita. Mentre riemergono dalle onde, l’orchestra e il pennywhistle offrono una presentazione elevata del loro tema d’amore.

La familiarità del loro tema fonda la nostra esperienza, ricordandoci che, nonostante l’epica immagine di un uragano che romba sopra i Caraibi, i nostri cuori sono ancora con Jamie e Claire. Viviamo sempre questa storia attraverso di loro.

Concludo questa terza stagione come ho fatto con le prime due, con una citazione vertiginosa del tema delle Pietre, la melodia che rappresenta il misticismo e i viaggi epici, mentre la telecamera fa una panoramica per mostrarci un assaggio dell’America e delle avventure che arriveranno.
Tuttavia, una volta conclusa la storia, volevo usare i titoli di coda di questa stagione per dare un’anticipazione della prossima, quindi ho musicato i crediti arrangiando con il piffero e il tamburo da marcia “The Liberty Song”, una delle canzoni pro-Rivoluzione più famose dell’epoca. Mi è piaciuta l’idea di musicare, quasi in maniera stravagante, un suono americano completamente nuovo proprio alla fine, un suono che sospetto che sentiremo molto di più nella prossima stagione. Inoltre, la musica di questa stagione includeva già influenze scozzesi, britanniche, afro-cubane, cinesi, mediorientali, sinfoniche e contemporanee. Perché non aggiungere musica e batteria, giusto per completare senza dubbio la stagione più eclettica della musica che io abbia mai creato?
Mentre le mie avventure musicali in Scozia e nei Caraibi potrebbero essere finite, sono entusiasta di continuare questo viaggio ed esplorare la musica della Rivoluzione Americana nella quarta stagione. Sono grato a tutti i membri del team creativo di “Outlander” per avermi permesso di far parte di questo straordinario viaggio e a tutti i fan che hanno abbracciato la mia musica.

Share This
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •