Caitriona Balfe,  Outlander,  Ronald D. Moore,  Sam Heughan,  Stagione 1

Outlander Postmortem "The Reckoning": il ritorno della serie inizia dal punto di vista di Jamie

Jamie Fraser (Sam Heughan) Outlander 1x09

Il produttore esecutivo Ronald D. Moore è ben consapevole che alcuni dei fans “puristi” di Outlander sono ancora irritati, a distanza di sei mesi, riguardo alla decisione di cambiare l’anello nuziale che Jamie regala a Claire. E con la scelta di cominciare l’attesissima seconda metà della stagione 1 con Jamie Fraser in veste di narratore al posto di Claire, si era preparato a ricevere una valanga di tweets.

“Sapevo che ad alcune persone non sarebbe piaciuto il cambiamento dell’anello, ma dicevo ‘Questo è quello che faremo. Correremo il rischio.’ Penso che l’anello sia stato il cambiamento più grande che abbiamo apportato e non credo che raccontare un episodio dal punto di vista di Jamie sarà un grande problema, ma non puoi mai esserne sicuro” Moore racconta a Yahoo TV. “Non sarai mai in grado di accontentare tutti, ma mi sento davvero soddisfatto di quanto abbiamo fatto e sicuro che il nostro adattamento preservi i personaggi, la storia e l’essenza dei romanzi di Diana [Gabaldon]. Lo show è sicuramente il libro. E’ modificato in certi aspetti. Abbiamo enfatizzato alcuni punti della storia, saltati altri, o aggiunto qualcosa, ma fa parte del processo d’adattamento.”

Forse aiuterà sapere agli ‘Outfanders’ che il cambiamento eseguito nel nono episodio, “The Reckoning”, serve a due scopi precisi. 

“C’erano un paio di ragioni diverse. La prima è che abbiamo pensato ‘Ok, stiamo ricominciando. Come vogliamo farlo? Un’apertura della seconda metà che non riprenda esattamente dal cliffhanger dell’episodio 1.08?’ Abbiamo pensato che sarebbe stato un cambiamento interessante e un modo per inserire di nuovo il pubblico nella storia” spiega Moore. “E, in un senso più ampio, la serie è davvero incentrata su Claire e Jamie insieme e sulla loro relazione. E’ stata un’opportunità per ruotare il punto di vista, di includere Jamie e raccontare la loro storia, non soltanto la storia di Claire. Una volta fatto, ciò mi ha permesso, man mano che proseguiva il corso degli eventi, di coinvolgerlo e mettere in scena quello che lui sta attraversando perché stiamo allargando il punto di vista al fine d’includere entrambi.”

Per Sam Heughan (Jamie Fraser) è stato entusiasmante scoprire che il suo Highlander sarebbe stato ascoltato nei voiceover:

“Ricordo di aver ricevuto lo scritp, aver visto che si apriva con i pensieri di Jamie e di aver avuto una conversazione davvero molto interessante con gli sceneggiatori su dove si trovasse [Jamie] mentre parlava. E’ nel presente? E’ nel futuro? Ha già fatto le scelte che l’hanno reso un uomo? Il cambiamento inoltre accresce la storia che può essere narrata. Si vede molto più del suo passato, da dove proviene, non è solo un Highlander. Vedrete molte crepe nella sua armatura, il suo rapporto con sua sorella Jenny, e il suo rapporto con il padre Brian. Non siamo limitati soltanto alla visione di ciò che Claire sta provando o di cui è testimone. Va bene quando siamo insieme e le storie sono interconnesse, ma saremo separati nell’ultimo paio di episodi. Adesso così potrete seguire entrambe le linee temporali, vedere dove vanno e come entrambi tentano disperatamente di ritornare l’uno dall’altra. Potrete vedere in prima persona le atroci sofferenze a cui saranno sottoposti alla fine della stagione.”

Heughan ammette che “The Reckoning” è stato un episodio davvero difficile per lui a livello fisico. Prima di tutto, c’è stato lo schiaffo ricevuto allo stagno.

“E’ stato un gran bello schiaffo. Sì. Caitriona [Balfe] è molto brava. Ero piuttosto infiammato alla fine della giornata di riprese. Credo che ci abbia fatto tornare in parità per la scena delle sculacciate. Lei [Caitriona] era costantemente ricoperta di lividi e anch’io” spiega Sam Heughan. “Non c’è mai stato un momento piacevole. Abbiamo finito di filmare questo episodio entrambi pieni di contusioni e tagli.”

Curiosamente, i danni maggiori sembra che siano stati fatti quando l’attore Scozzese meno se l’aspettava – durante le scene di sesso.

“Oh mio Dio. Avevamo abrasioni provocate dal tappeto su tutto il corpo. Sbattevamo contro le cose, ci schiacciavamo sul pavimento o sul letto. Avevo un eritema sul mio petto. Avevamo escoriazioni sulle nostre ginocchia a causa del tappeto. Spero la scena risulti molto meglio rispetto a come è stato girarla.”

Fonte

Share This
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *