Musica – Stagione 5

[Disponibile su Amazon | Apple Music | Spotify]

Tutto quello che c’è da sapere sulla musica della Stagione 5.
(Dal blog di Bear McCreary)

Dalle cornamuse della Scozia, i clavicembali barocchi di Parigi, alle percussioni afro-cubane della Giamaica, la mia colonna sonora per Outlander si è continuamente evoluta per tenere il passo con Claire e Jamie mentre attraversano sia il tempo che lo spazio. Per la quarta stagione della serie, i nostri eroi hanno esplorato l’America, gettando le basi per una nuova casa, così ho introdotto nella colonna sonora banjos e dulcimer dei Monti Appalachi. Dove quella stagione ha esplorato nuove frontiere, la Stagione 5 mette radici, scavando in temi dedicati alla costruzione di una comunità, alla formazione di civiltà, all’allargamento di famiglie e alleanze. Per la prima volta nella storia di Outlander, la mia musica per la quinta stagione non ha avuto bisogno di introdurre nuovi audaci stili o strumenti.

Ispirato dal dramma, sapevo era tempo di piantare le mie radici musicali e sviluppare le tonalità e i temi che già avevo. Come la serie, la musica della Stagione 5 di Outlander ha smesso d’espandersi verso l’esterno in nuovi territori e ha invece messo radici. Anche se la colonna sonora non introduce alcun nuovo suono in questa stagione, sento che i suoi punti di forza emotivi e di sviluppo la rendano forte come tutto ciò che abbia scritto, per arrivare fino a questo punto.

Come nelle stagioni precedenti, la prima sfida è stata la creazione di un nuovo tema principale. Contrariamente alla maggior parte delle serie tv, Outlander cambia l’arrangiamento e l’esecuzione del tema principale “Skye Boat Song” ogni stagione, per riflettere la geografia e il carattere della nuova stagione. (Ad oggi, ho creato le versioni “Original” ed “Extended” della prima stagione, le versioni “French” e “Jacobite” della seconda stagione, le versioni “After Culloden” e “Caribbean” della terza stagione e la versione “Bluegrass” della quarta stagione. )

Per la quinta stagione, l’intero team creativo sapeva che il cambiamento doveva riflettere la crescita del personaggio rispetto alla geografia o al periodo di tempo. Senza un’evidente influenza culturale da incorporare, realizzare il tema principale della quinta stagione era più sperimentale. L’idea è nata per rimuovere tutti gli strumenti e per un arrangiamento corale a cappella. Questo è stato un’enorme cambiamento, che rappresenta la nostra più grande deviazione dalla versione originale. Certo, abbiamo cambiato le tonalità e persino le lingue, abbiamo aggiunto strani strumenti come la viola da gamba e lo steel drum. Ma tutte queste versioni hanno conservato un enorme crescendo strumentale per il ritorno al coro, l’ultimo intenso crescendo che s’inserisce nella scheda del titolo. Questa nuova versione si distingue non per ciò che è stato aggiunto, ma per ciò che è stato rimosso. Proprio come i personaggi dello show, questo tema principale non esplorava una nuova frontiera, ma costruiva invece qualcosa di più sofisticato sulla base di ciò che avevamo già stabilito.

L’ultima decisione da prendere ruotava attorno a mia moglie, Raya Yarbrough, che era stata la voce del tema principale sin dall’inizio della serie. Nonostante ami il suono dell’intero coro, tutto il team creativo è stato unanime sul fatto che sarebbe un errore perdere completamente la voce distintiva di Raya dalla serie. Così, abbiamo deciso di presentare la voce solista di Raya alla fine della sequenza del titolo dell’episodio.

Il coro e la voce solista sono stati registrati alla United Recording di Los Angeles, con un eccezionale ensemble di cantanti coordinato dal mio amico Jasper Randall. Tuttavia, il nostro lavoro non era ancora completato. Il nostro team di missaggio, guidato da Ryan Sanchez, ha consegnato più versioni e in coordinamento con il nostro team editoriale musicale, guidato da Mike Baber, hanno lavorato a stretto contatto con gli showrunner per plasmare il suono. Sulla base dell’input degli showrunner, hanno spinto meticolosamente i microfoni, caratterizzato alcune voci su altre, regolato il riverbero e bilanciato il modo in cui il coro interagiva con i canali surround. È stato svolto più lavoro nel mix su questo spunto che su qualsiasi altro brano realizzato prima per Outlander.

Ascoltandolo adesso, i fan potrebbero pensare che questo sia il più semplice dei temi, visto manca la complessità data da più strumenti. Ironia della sorte, la realtà dietro le quinte è stata piuttosto l’opposto. Il tema principale della quinta stagione è stato il risultato di mesi di sforzi, più di una dozzina di bozze e settimane di modifiche in post-produzione! Il processo non è stato facile, ma il risultato è stato scoprire un tema che si distingue dagli altri con una dichiarazione audace.

COSTRUENDO SULLA FONDAZIONE

Con il tema principale stabilito, mi sono tuffato a capofitto nello scrivere la colonna sonora, attingendo dalla ricchezza dei temi consolidati. Anche se amo la sfida di affrontare una nuova serie o film, c’è una gioia completamente diversa nello scrivere per una serie di lunga durata. Sviluppare e reinterpretare i temi dei personaggi diventa come visitare vecchi amici, e sono invaso dalla stessa nostalgia che spero che i fan sentano quando ascoltano la mia musica.

Questa nostalgia è immediatamente visibile nel primo episodio, “The Fiery Cross”. Mentre attraversiamo i campi aperti e le terre coltivate per rivelare la casa di recente costruzione di Jamie e Claire, la musica cita una nuova variante del tema di Fraser’s Ridge.

Ho introdotto questo tema la scorsa stagione, quando Jamie e Claire si affacciano sulla valle selvaggia dove avrebbero costruito la loro nuova casa. Questo nuovo spunto è un payoff diretto per quel set musicale. Gli archi espressivi portano il tema su banjo e mandolini rustici, catturando l’energia frenetica e l’ottimismo della loro nuova comunità.

Il tema di Fraser’s Ridge non riguarda solo la posizione geografica. In questa stagione, mi appoggio al tema per sottolineare le nozioni di civiltà e cameratismo sociale. Ciò è evidente durante la cerimonia nuziale dell’episodio della premiere, quando Brianna cammina lungo il corridoio per gli applausi della folla adorante. Sì, questo momento riguarda Roger e Brianna, ma altrettanto significativamente, riguarda l’intera folla. Fraser’s Ridge è diventata una casa spirituale per tutti, importante dal punto di vista simbolico e fisico. Per tutta la stagione, utilizzo il tema di Fraser’s Ridge per sottolineare questo concetto.

Il tema di Roger e Brianna è, ovviamente, ancora in evidenza nella colonna sonora di questa stagione.

Mentre il loro matrimonio presenta alcuni dei suoi arrangiamenti più lussureggianti, la mia variante preferita della stagione arriva alla fine dello stesso episodio, quando Roger fa un giuramento di sangue con suo figlio, cementando il legame del loro nucleo familiare. Questa variazione è sia vulnerabile che sicura, con delicati pizzichi di mandolino contro una base di ricchi archi orchestrali. Il tema di Roger e Brianna continua ad evolversi durante la stagione man mano che si spostano in prima linea nella narrazione.

Il tema di Jamie and Claire è senza dubbio il tema musicale più importante dell’intero show.

Nella quarta stagione, ho fatto un passo indietro dall’usarlo tanto, appoggiandomi maggiormente al tema di Fraser’s Ridge per sottolineare la loro relazione nel contesto del loro nuovo ambiente. Tuttavia, ora che il tema di Fraser’s Ridge si collegava maggiormente alla più ampia società che si stava formando intorno a loro, era tempo di tornare al classico tema di Jamie e Claire come il più forte significante musicale della loro relazione.

Il loro tema è stato una parte significativa della mia vita per sei anni e devo ammettere che mi sento profondamente emozionato ogni volta che lo ascolto o lo suono. Ho sentito questo impatto quando ho musicato i flashback del matrimonio di Jamie e Claire nella premiere della stagione. Mentre pensavo ad un grande crescendo orchestrale del loro tema, mi sono ritrovato al pianoforte con la vista offuscata dalle lacrime. Spero di essere riuscito a catturare un po’ di quell’emozione nello spunto che ho scritto!

Altri temi dei personaggi si intrecciano durante la colonna sonora di questa stagione, spesso in variazioni di recente sviluppo. I fan astuti discerneranno gli archi orchestrali bassi e minacciosi del tema di Tryon, i contorti sonori stravaganti del tema di Stephen Bonnet, l’innocente oboe solista del tema di Willie, i deliziosi ritornelli del tema di Fergus e Marsali e le iconiche percussioni dei nativi americani e fiati che ora rappresentano il tema del giovane Ian.

La musica della quinta stagione ritorna al suo passato scozzese, in particolare al drammatico climax di “The Fiery Cross”, in cui Jamie indossa il suo kilt e il suo dirk per la prima volta in decenni e accende la croce per la cerimonia del giuramento. Per questa sequenza cinematografica, ho riportato le potenti voci gaeliche del mio amico Griogair Labhruidh che cantava “Moch Sa Mhadainn”. Originariamente presentato in “Je Suis Prest” della seconda stagione, questa canzone rappresentava l’energia esaltante dell’esercito giacobita mentre si allenavano per affrontare l’esercito britannico. La canzone è speciale perché è una canzone di guerra storicamente accurata per la ribellione giacobita, portata alla nostra attenzione dal famoso musicologo scozzese John Purser, con il quale abbiamo collaborato. A differenza della maggior parte delle canzoni famose i cui testi ricordano malinconicamente l’insurrezione giacobita dopo la sua sconfitta (come “The Skye Boat Song”), “Moch Sa Mhadainn” risale alla ribellione stessa, quindi è piena di ottimismo e orgoglio.

Volevo che il pubblico sentisse sia l’ondata di eccitazione che Claire sente nel vederlo vestito in pompa magna, sia l’ammirazione della folla mentre Jamie parlava. Ho sentito che una nuova presentazione di “Moch Sa Mhadainn” avrebbe raggiunto questo obiettivo. La voce di Griogair è un potente promemoria della forza dello spirito scozzese per questa sequenza indimenticabile. Ho anche adattato la melodia in un tono più inquietante per i titoli di coda dell’episodio, creando un senso di pericolo propizio mentre Murtagh e Jamie si separano.

Quella scena climatica con Murtagh, utilizza anche un altro pezzo di musica scozzese molto significativa. Nel corso degli anni, ho musicato i momenti di vulnerabilità emotiva di Murtagh con le dichiarazioni di una bellissima canzone popolare scozzese, “MacPherson’s Farewell”. La prima melodia che i fan ascoltano nella quinta stagione è un pennywhistle lamentoso che suona questa canzone durante un flashback di Murtagh e un giovane Jamie. Il tema ritorna di nuovo per tutta la stagione, sottolineando la crescente tensione tra questi due personaggi.

La quinta stagione ha presentato nuove opportunità e nuove sfide che hanno offuscato il confine tra musica narrativa di sottosfondo e musica sorgente. Forse l’esempio più divertente di questo è nella premiere della stagione in cui Roger prende una chitarra per fare una serenata a Brianna con un’esibizione da camera da letto di “LOVE”, una canzone di Bert Kaempfert e Milt Gabler resa famosa da Nat King Cole nel 1965. Mentre discutevamo con l’attore Richard Rankin in uno studio di registrazione, lui è stato in grado di offrire una performance così fantastica e naturale sul set che sapevamo di dover preservare. In post-produzione, ho preso la sua esibizione e ho introdotto sottili archi e orchestrazioni, fino a quando non ho ripreso completamente il panorama sonoro per un nuovo arrangiamento della canzone, per supportare un montaggio di vari ospiti e personaggi del matrimonio che fraternizzavano. Mi sono divertito moltissimo con questa sequenza, evolvendo dall’incantevole e intima performance di Richard, agli strumenti a corde orchestrali a, infine, a una banda folk scozzese.

Più avanti nella stagione, ho trovato l’opportunità di collaborare direttamente con il cast. Quando abbiamo lavorato in post-produzione su “Famous Last Words”, i produttori ed io abbiamo pensato che un’esibizione di “Clementine” sarebbe stato un modo fantastico per chiudere l’episodio, che già presentava i nostri personaggi cantarla come una ninna nanna. Il potere della canzone è venuto proprio dal sentire i nostri due brillanti attori principali mentre la cantavano. Sono stato fortunato ad entrare nello studio di registrazione con Sophie Skelton (Brianna) e Richard Rankin (Roger). Li ho incoraggiati a suonare la canzone come se fossero i loro personaggi, risultando in un’esibizione naturale, emotiva e intima che distingue questa canzone dalle altre tracce della colonna sonora.

Sebbene sia conosciuta come una popolare canzone americana e cantata qui come una ninna nanna, i testi di “Clementine” sono sorprendentemente cupi. Questo aiuta a sottolineare i drammatici temi della perdita dell’episodio: la perdita dell’innocenza, la perdita di sicurezza e, letteralmente, la perdita della voce da parte di Roger. In questo contesto, “Clementine” rappresenta il tipo di canto informale ed intimo che la loro famiglia non potrà mai più sperimentare. La registrazione prodotta con i nostri due attori per i Titoli di Coda serve da promemoria spettrale di ciò che sarebbe potuto essere e che non dovrà mai più essere.

Forse giustamente, gli ultimi momenti della stagione hanno portato la mia esperienza creativa al punto di partenza, poiché le discussioni con i produttori sono tornate di nuovo al tema principale. Gli showrunner mi hanno chiamato a tarda notte dalla sala di montaggio, per discutere di spostare la canzone del tema alla fine dell’episodio per il finale di stagione e di avere una sola voce che canta la canzone completamente a cappella. Sono stato immediatamente così ispirato che ho chiesto a Raya di venire nel mio studio quella stessa notte, e abbiamo registrato una performance completamente nuova di “The Skye Boat Song”.

Rimuovendo gli strumenti e lasciando solo voci, il tema corale del tema principale della quinta stagione era già un concetto minimalista. Tuttavia, questa nuova versione spingerebbe quell’idea alla sua portata più lontana, eliminando l’accordo fino alla più piccola informazione musicale possibile – una sola voce. La performance di Raya è stata inquietante, emotiva e ha portato con sé il ricordo di ogni versione precedente. Dati gli eventi cupi dell’episodio finale e il minaccioso tuono che funge da premonizione per la stagione a venire, penso che la voce solista di Raya per “Skye Boat Song” concluda la stagione con la perfetta combinazione di vulnerabilità e forza.

UNA RIUNIONE FAMILIARE

Lavorare nel cinema e in televisione è spesso un’esperienza isolata, e rara è l’opportunità di assistere al proprio lavoro insieme al pubblico. Sono stato fortunato che Starz e Sony abbiano organizzato una proiezione in anteprima del primo episodio di questa stagione, a cui hanno partecipato cast, troupe, stampa e fan. Guardare “The Fiery Cross” in un teatro affollato è stata un’esperienza esaltante. Sentii sussulti, risate, sospiri e applausi e sapevo che la mia musica stava contribuendo a quell’euforia collettiva. Il mio momento preferito della notte è stato quando Jamie apre il baule contenente il suo kilt e il suo pugnale, proprio nell’istante in cui il baritono gaelico tormentato di Griogair ha iniziato a echeggiare in tutta la sala. La reazione della folla è stata palpabile ed elettrica.

Dopo la proiezione, Raya e io ci siamo imbattuti in quello che sembrava un oceano di fan entusiasti, desiderosi di chiacchierare con noi. Tutti condividevano storie su ciò che la musica aveva fatto per loro, sulle persone con cui avevano legato, sul conforto che avevano trovato durante i periodi difficili e così via. È stato un necessario richiamo al fatto che la mia colonna sonora può spesso risuonare con le persone ben oltre i confini dell’esaltazione del dramma.

Più tardi quella sera, Raya ed io ci siamo divertiti tanto all’after party, passando del tempo con amici vecchi e nuovi. La festa sembrava come un giro d’onore, rivedendo persone che ora considero miei amici e la mia famiglia di lavoro: attori, scrittori, produttori, mixer, editori, sound designer e persino Diana Gabaldon, dalla cui ricca immaginazione è nato questo intero mondo. Poiché la produzione è in Scozia e la post-produzione è in America, ci sono molti membri del cast che non avevo mai incontrato prima. Ho avuto la fortuna di incontrare finalmente Lotte Verbeek, Graham McTavish e Duncan Lacroix (che, a quanto pare, è un grande fan di un videogioco di cui ho composto la colonna sonora chiamato God of War).


Nonostante si trattasse tecnicamente di una festa per la premiere di uno show televisivo, quella serata aveva l’aria di essere davvero più una riunione di famiglia.

ALBUM SOUNDTRACK STAGIONE 5

Sono entusiasta di collaborare con Sony Music e la mia etichetta, Sparks & Shadows, per pubblicare l’album della colonna sonora originale della Stagione 5 di Outlander. L’album sarà disponibile digitalmente dal 15 Maggio su Spotify, Apple Music, Amazon e tutti gli altri principali rivenditori digitali! Come sempre, ho curato personalmente l’album per presentare i miei momenti musicali preferiti, comprese tutte le registrazioni vocali che ho trattato nel mio blog. L’elenco completo delle tracce è qui:

1. Outlander – The Skye Boat Song (Choral Version) [feat. Raya Yarbrough]
2. The New Fraser’s Ridge
3. As Long as We Both Shall Live
4. L-O-V-E (feat. Richard Rankin)
5. Blood of my Blood
6. Murtagh’s Oath
7. The Fiery Cross (feat. Griogair Labhruidh)
8. The Battle of Alamance
9. Murtagh
10. Young Ian Returns
11. Clementine (feat. Richard Rankin and Sophie Skelton)
12. A Red, Red Rose
13. The Fang Syringe
14. Justice for Bonnet
15. Journeycake
16. Lighting the Cross (feat. Griogair Labhruidh)
17. Saving Claire
18. Outlander – The Skye Boat Song (Solo Vocal Version) [feat. Raya Yarbrough]

Incoraggio i collezionisti di colonne sonore a seguirmi su Facebook, Twitter e Instagram per aggiornamenti sulle prossime edizioni fisiche!

Adattandosi ai temi narrativi della stagione, ci vuole un villaggio per creare una colonna sonora come questa. Sono grato a tutti coloro che hanno contribuito con il loro tempo, talento ed energia creativa. Un ringraziamento speciale è dovuto a Ronald D. Moore, Diana Gabaldon, Maril Davis, Matthew B. Roberts, Toni Graphia e a tutti gli scrittori, produttori, cast e troupe per il loro costante supporto creativo. Voglio anche ringraziare Elicia Bessette, Chris Parnell, Tony Scudellari e tutti alla Sony, così come tutti alla Starz; tutto il mio team di Sparks and Shadows, in particolare Jason Akers, Omer Ben-Zvi, Etienne Monsaingeon, per aver composto musica aggiuntiva meravigliosa e supportato la produzione di spartiti. Infine, un enorme ringraziamento è dovuto a Edward Trybek, Henri Wilkinson e Jonathan Beard; Michael Baber, Ryan Sanchez, Ryan Walsh, Ben Sedano, Marisa Gunzenhauser, la Norwegian National Symphony Orchestra e i miei direttori Johannes Vogel e Gottfried Rabl; Richard Kraft, Laura Engel, Sarah Kovacs, Jeff Jernigan, Joe Augustine, Jaime Cyr e i talentuosi musicisti e cantanti che hanno dato vita alla colonna sonora.

*   *  *

Purtroppo, con la produzione della sesta stagione ancora in uno stato sconosciuto a causa della pandemia che ora attanaglia il mondo, non so quando i fan sentiranno ancora una volta la nuova musica di Outlander. Quindi, sono grato che questa stagione sia uscita appena possibile, e spero che questo album della colonna sonora possa aiutare alcuni fan a superare la prossima “Droughtlander”, che probabilmente sarà la più lunga di sempre. Voglio ringraziare enormemente tutti i fan di tutto il mondo, per aver ascoltato così intensamente la mia musica e per aver fatto parte della mia esperienza indimenticabile per la composizione musicale di Outlander.

Share This
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •