Interviste,  Outlander,  Stagione 1

Lotte Verbeek intervistata da TVLine: "Geillis conosceva sin dall'inizio il segreto di Claire"

Lotte Verbeek

Anche gli incantesimi migliori di una strega non durano per sempre.

Nell’episodio 1×11 di Outlander “The Devil’s Mark”, l’alter ego di Lotte Verbeek, Geillis Duncan, si è trovata di fronte ad una morte-quasi certa per pratica di stregoneria. Si trattava di un’accusa a cui è sfuggita per anni, ma quando una folla inferocita ha fatto capire chiaramente che i suoi giorni di evocazioni e pozioni erano finiti, ha messo in atto la versione Scozzese datata 18°secolo del “sacrificarsi per la squadra”.

“Quella mossa che fa la rende assolutamente vulnerabile,” Verbeek racconta a TVLine. “E’ un lato completamente diverso di Geillis … rispetto a quello che si vede all’inizio, quando lei è più come un gatto che gioca con un topolino.”

La “mossa” a cui Lotte Verbeek si riferisce è il momento dove Geillis si dichiara la sposa di Satana, si strappa i vestiti in modo che tutti possano vedere che porta in grembo il figlio del Signore Oscuro (ma non è così), per creare abbastanza caos e distrarre la folla affinché l’eroina di Outlander Claire Fraser – che affronta le stesse accuse – possa sfuggire in modo sicuro e inosservata. L’ultima volta che vediamo la rossa, il suo talento per il dramma l’ha condotta fuori dall’aula del processo e la folla la esibiva per strada, per bruciarla viva.

TVLine ha chiacchierato con Lotte sulla pancia finta, quando la scena di ballo nudo avrebbe dovuto aver luogo, i veri sentimenti del suo personaggio per Dougal MacKenzie e quando Geillis ha realizzato che c’era qualcosa che non andava con la Sassenach di Castle Leoch.

TVLINE | Ti ci è voluto un po’ per capire come interpretare Geillis?

Questa è un’ottima domanda, perché non mi sono mai chiesta cosa fosse più appropriato e cosa servisse per calarmi nella parte. Mi sembrava solo sorprendentemente naturale [ride] interpretare un personaggio che è così malizioso e giocoso. Non vorrei definirla “cattiva”, ma sicuramente le piace ficcanasare qua e là. Quindi c’è una bella combinazione di elementi in questo personaggio. Per me, [l’interpretazione] è venuta abbastanza naturale.

TVLINE | Hai avuto un impressionante pancione. Parlami delle protesi che sono state utilizzate, soprattutto perché vediamo molto di te quando è in mostra la pancia.

Ho trascorso tante ore distesa su un tavolo con persone che lavoravano sulla mia pancia, persone che hanno fatto un ottimo lavoro. Sono rimasta sorpresa anch’io a volte, perché pensavo ‘Mi sento come se fossi incinta al momento.’ Non sono mai stata incinta, ma questa pancia sembra e dà l’idea veramente della sensazione che si prova quando si è in stato di gravidanza. C’è un senso di pesantezza nella [finta] pancia. Una mattina, dopo aver girato la stessa scena per una settimana – il processo alle streghe ha richiesto una settimana per le riprese – sono arrivata [agli studios] per applicare la protesi sul ventre, una procedura che richiede un paio d’ore. Avrei potuto dormire almeno per un altro paio d’ore. Sono entrata nel trailer e c’erano circa sette pance allineate. Ho dovuto scattare una foto… E’ stata una cosa stranissima da vedere. [I truccatori] erano così precisi riguardo a come aggiungere piccole vene e  piccole lentiggini. Quel lavoro è stato semplicemente fenomenale.

TVLINE | Sembra incredibile. La vediamo durante il ballo nel bosco – è stato coreografato? L’hai ideato tu?

[Il ballo] è stato coreografato. E’ stata una scena fantastica da girare. Abbiamo lavorato con un coreografo che ha fatto un ottimo lavoro. Doveva combinare alcuni elementi perché doveva sembrare un rituale sulla fertilità, ma sarebbe dovuto essere anche qualcosa di mistico. Dovevano esserci elementi di danza, ma doveva essere anche qualcosa di terreno e primordiale, quasi sessuale. Non indossavo molti vestiti. Si è cercato di coprire certe zone, ma anche di fare in modo che la pancia si sarebbe vista a un certo punto. [Ride] C’è stata parecchia roba tecnica, sì. Il set era nella foresta, di notte. Era una notte d’estate nel mese di Giugno. Inizialmente si voleva filmare a Febbraio… ed io dicevo: ‘No starò bene, mi muoverò, sentirò caldo.’ Ma poi mi hanno detto che le riprese non si sarebbero effettuate, a causa del troppo freddo. E ne sono stata contenta alla fine.

TVLINE | Claire ha ragione? Geillis è realmente innamorata di Dougal?

Credo di sì, sì. Geillis è molto passionale. Per quanto calcolatrice, in qualche modo, lei è anche molto passionale. Vive guidata dalle proprie emozioni. E’ molto devota alla causa in cui crede, per la quale sta lottando. E vede la stessa passione in Dougal. C’è un’oscurità in Douglas che la attrae molto.

TVLINE | Allo stesso modo, è veramente amica di Claire?

Lei è amica di Claire. Ed è anche – questo è l’aspetto interessante di Geillis – focalizzata sull’ “e”, non è mai un “o” con Geillis. Quindi sì, lei è amica di Claire e, allo stesso tempo, usa anche un po’ Claire.

TVLINE | Geillis compie un gesto molto altruista nella scena del processo per salvare Claire. Da dove pensi che nasca questo?

La cosa interessante è che, dopo aver detto Geillis è una donna calcolatrice, non ci si aspetterebbe mai che sia così altruista, vero? Ma la causa per la quale sta lottando è, in un certo senso, altruista. E’ un’idealista. Ma non è questo per cui ti colpisce in un primo momento. Pensi che possa essere egoista o perseguire solo i propri interessi. Ma poi, quando è così altruista e fondamentalmente sacrifica se stessa per Claire, si riesce a vedere che ha davvero imparato ad amare Claire. Forse Claire è la sua unica amica. C’è una solitudine in Geillis che la spinge a voler essere amica con Claire.

TVLINE | Quando diresti che Geillis ha capito che Claire non appartiene a questo tempo [Scozia del 18°secolo]?

Credo che lo sappia fin dall’inizio. Dal momento in cui la incontra, credo volesse semplicemente che Claire si confidasse con lei ma lo fa solo in seguito. Vuole una certa onestà. Ma lei lo sa. L’ha sempre saputo.

Share This
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *