Outlander,  Stagione 5

La Costumista di “Outlander” spiega la scena-sogno anni ’60 nel finale della stagione 5

Outlander costumi

Trisha Biggar rivela l’ispirazione dietro il look nelle allucinazioni di Claire, oltre ad alcuni Easter Egg che probabilmente non avete notato al primo sguardo.

L’aggressione subita da Claire per mano di Lionel Brown e dei suoi uomini nel finale della quinta stagione di “Outlander” è probabilmente l’attacco più violento che la serie abbia mostrato finora sullo schermo. “Outlander” non evita le trame che ruotano attorno alla violenza sessuale⁠, qualcosa per cui gli autori e i creatori dello show sono stati criticati in passato. E le immagini di Claire violentata in gruppo sono, comprensibilmente, difficili da guardare.

Ma la cosa interessante dell’episodio “Never My Love” è il modo in cui giustappone quell’orribile immagine con una sorta di sequenza di sogni. Le scene dello stupro di Claire si intrecciano con la sua dissociazione, e gli spettatori la vedono mentre viene brutalizzata, ma poi lo show passa rapidamente ad un’allucinazione; una visione nella mente di Claire della sua famiglia del XVIII secolo trasportata nel futuro.

Alla costumista della serie Trisha Biggar è stato affidato il compito di creare look ispirati agli anni ’60 per personaggi come Jamie, Marsali e il giovane Ian, non-viaggiatori nel tempo che non sono ancora comparsi nel XX secolo finora.

“Penso che il punto di partenza in un certo senso sia il fatto che tutti i personaggi e ciò che indossano sono prodotti dall’immaginazione di Claire. Siamo nel suo sogno, quindi nel creare questi look si trattava d’interpretare la loro personalità e pensare a come lei avrebbe voluto vederli in questo particolare punto”, dice Biggar.

“E sono tutti in un posto felice quando li vediamo. Vediamo Jocasta e Murtagh insieme e sposati. E Murtagh è ancora vivo e Jocasta non è cieca.” Allo stesso modo, Fergus ha l’uso di entrambe le mani nella visione di Claire.

La creazione dei costumi, spiega Biggar, richiedeva “non solo pensare a cosa avrebbe indossato Marsali. Ma anche, che cosa Claire avrebbe immaginato che Marsali indossasse nel XX secolo?”

Di seguito analizza l’aspetto di ogni personaggio.

Claire

L’elemento chiave per guardare questa scena è ricordare che stiamo vedendo questa scena e questi personaggi attraverso la prospettiva di Claire.

“Stavo cercando di mettere insieme l’idea di cosa avrebbero indossato i personaggi, ma anche in che modo li avrebbe visti Claire nella sua immaginazione”, spiega Biggar.

“Claire indossa un bel vestito rosso. E’ un gran colore su di lei, e la forma è più simile alla fine degli anni ’60 e agli anni ’70 in termini di periodo. È una linea molto sottile, non un tubino ma più una sorta di vestito longuette – molto elegante. È perfettamente curata e bellissima. E inizialmente pensiamo che sia molto rilassata e a proprio agio in attesa dell’arrivo della famiglia per il Ringraziamento.” Ovviamente mentre la visione continua, non è così pacifica come inizialmente appariva…

Jamie

Jamie potrebbe sembrare come se fosse uscito dal 1770 nella mente di Claire, ma Biggar ha modernizzato un po’ il suo aspetto per la sequenza.

“Abbiamo realizzato una versione del XX secolo del suo costume del XVIII secolo restringendo la corposità della sua camicia e facendo sembrare i suoi pantaloni più simili a un paio di pantaloni del XX secolo”, dice.

“I calzoni vanno negli stivali, quindi abbiamo inserito anche i pantaloni negli stivali, e abbiamo realizzato i suoi pantaloni con un denim nero, quindi era un tessuto contemporaneo, ma gli conferiva ancora la sua silhouette del XVIII secolo. In un certo senso si adatta al XX secolo, ma appartiene ancora molto al suo secolo”.

Il giovane Ian

Il giovane Ian ha forse la trasformazione più sorprendente nella mente di Claire. Appare alla porta in uniforme militare, suggerendo che forse era stato in Vietnam.

Biggar afferma che questa scelta di costumi è stata scritta nella sceneggiatura. “Il giovane Ian è stato una sorpresa quando è arrivato con il suo costume da US Marine, e penso che non sia un riflesso della sua permanenza con gli indiani, ma suppongo, sembra più maturo in un’uniforme e ha un’aria più sicura e indipendente, anche se potrebbe aver avuto esperienze mentre era via”, dice, osservando che c’erano piccole incongruenze nel set e nei costumi che avrebbero “scosso un po’ la coscienza”, ricordando allo spettatore che questo era un sogno.

“Ad esempio, nell’uniforme del giovane Ian, i nastri della medaglia sono stati fatti con le perle indiane di Wampum”, dice.

Marsali e Fergus

Biggar pensava che Lauren Lyle, che interpreta Marsali, “fosse perfetta per il look anni ’60”.

“Voglio dire, la sua frangia e i suoi lunghi capelli… Pensavo che fosse perfetta negli anni ’60, e credo che anche lei lo pensasse”, dice Biggar.

“Le ho fatto indossare un vestito giallo con collant bianchi e stivali bianchi, molto di moda all’epoca, ma non era troppo fuori di testa o scatenata perché è lì con i bambini. Penso che fosse fantastica. I suoi capelli, il suo viso… Tutto di lei richiamava perfettamente quella moda tipica di fine anni ’60, inizio anni ’70.”

In modo simile, per lo stile di Fergus ha scelto un top e pantaloni in maglia per adattarsi al periodo. Aveva anche una giacca, ma che ha tolto appena entrava in casa.

“Volevo che fossero una giovane coppia alla moda – ma non troppo accattivante. Penso che siano splendidi insieme”, dice.

Murtagh e Jocasta

Nella visione di Claire, Jocasta e Murtagh sono di nuovo insieme “felici” e “innamorati”, e la zia di Jamie ha un look bohémien.

“Jocasta è un personaggio davvero complesso. È piuttosto bohémien: è ricca, creativa, passionale. È leggermente appariscente. È fantastico che la vediamo con la sua vista intatta”, dice Biggar.

“Suppongo fosse piuttosto interessante vederla abbracciare un aspetto un po’ bohémien, che le si addiceva molto. Si adattava al suo personaggio e anche al suo aspetto fisico. Stava benissimo in quel look anni ’60, inizio anni ’70, e indossava anche una fantasia colorata piuttosto audace, quindi era abbastanza accattivante”.

E mentre a tutti gli attori piaceva uscire dai loro costumi del XVIII secolo per entrare in quelli degli anni ’60, Duncan Lacroix, che interpreta Murtagh, è stato forse il più grande fan della sua elegante giacca ispirata agli anni ’70.

“A questo punto della storia, Murtagh è morto, quindi è stato bello vederlo di nuovo vivo”, condivide Biggar.

“Il suo personaggio ha uno spirito così libero. È un po’ fuori dagli schemi, è anticonformista, è leale. Volevo che non assomigliasse a un normale uomo anziano, così ho optato per fargli indossare una giacca colorata. Duncan ha adorato il suo costume di scena. Penso che volesse portarselo a casa!”.

Fonte: Town & Country

Share This
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *