Benvenuto su Outlander Italy, la fonte italiana su "Outlander" serie tv e la saga letteraria di Diana Gabaldon, Qui potrai trovare news, spoilers, foto, video, interviste e molto altro sulla serie targata Starz e creata da Ron D. Moore
posted by giu 24, 2015 • Filed in: Outlander, Stagione 1, Tobias Menzies, Video

Mancano pochi giorni al termine delle votazioni per le nominations di luglio ai prossimi Emmy Awards e “Outlander”, insieme ai suoi attori e tutta la produzione è un nome che ricorre molto fra i possibili candidati, ma anche non dovesse concretizzarsi resterà sempre una grande vittoria considerando che siamo solamente alla Stagione 1.

YahooTv dedica spazio a Tobias Menzies, ritenendolo meritevole della nomination come Outstanding Supporting Actor in a Drama Series (e noi non possiamo che essere d’accordo!). Il video sopra raccoglie le migliori performances dell’attore in questa stagione di Outlander, salvo alcune delle scene più cruente degli ultimi due episodi che anche se non sono mostrate nel video rimangono comunque ben impresse nella nostra mente e testimonianza di un grande lavoro insieme alla co-stars Sam Heughan (Jamie Fraser) e Caitriona Balfe (Claire Fraser). Menzies merita un considerazione per l’Emmy perché attraverso le crude e complesse scene in cui era coinvolto non ci ha lasciato mai dimenticare che è l’anima di Jamie Fraser quella che Black Jack Randall vuole veramente mentre attacca ed abusa del corpo dello scozzese.

“Ho razionalizzato [gli eventi] considerando la fustigazione come l’inizio di tutto. In quel momento Black Jack incontra qualcuno capace di tenergli testa come nessuno mai aveva fatto prima. Jamie è stato in grado di sopportare il dolore fisico in un modo che prima nessuno mai aveva fatto e quindi ovviamente, per qualcuno che è interessato nell’amministrare il dolore sulle persone, questo lo intriga. Se crediamo che il sadomasochismo sia la sua [di BJR] perversione, allora Jamie rappresenta qualcuno che non può essere disciplinato e questa diventa una sfida per lui. [BJR] vuole spezzarlo e dominarlo solo per dimostrare che è in grado di farlo. Crado anche che ad un certo livello lui sia colpito da Jamie come essere umano. Jack stesso non è privo di piccoli momenti di umaità. Ha ammirazione per le persone. La cosa strana è che la sua ammirazione si manifesta e viene comunicata cercando di smantellarla per scoprire come funziona. E’ qui che entra in gioco la brutalità.”

…Continua »

posted by giu 17, 2015 • Filed in: Casting News, Outlander, Stagione 2

3

Nuovo ed importante casting per la stagione 2 di Outlander! L’attore Laurence Dobiesz sarà il volto di Alex Randall.

Per chi non ha familiarità con i libri e non ha letto “Dragonfly in Amber” (in italiano divisi in “L’amuleto d’ambra” ed “Il Ritorno”), senza spoilerare troppo, vi diciamo come si tratta del fratello minore del sadico Black Jack Randall. Ma nonostante abbiano lo stesso DNA ed un forte somiglianza fisica, Alex non ha niente in comune con la natura crudele e brutale del fratello maggiore, anzi viene descritto come gentile, amorevole e cortese.

In televisione Dobiesz è apparso in “Obsession: Dark Desires,” “The Riots: In Their Own Words” della BBC e  “The Bill.” su ITV. Al cinema invece lo ritroviamo brevemente in “Sherlock Holmes: A Game of Shadows” e “Testament of Youth.”

La Stagione 2 di Outlander prodotta da Ron Moore andrà in onda nel 2016 (data da definirsi)

OriginalThe Wrap

posted by giu 11, 2015 • Filed in: Outlander, Tobias Menzies

Tobias Menzies in Outlander e Game of Thrones

Diana Gabaldon e George R.R. Martin (“Le cronache del ghiaccio e del fuoco”), non sono accomunati soltanto dal fatto d’essere gli unici autori in circolazione i cui libri sono stati adattati in serie tv epiche, che hanno riscosso successo in tutto il mondo e fatto parlare di sé (nel bene e nel male) milioni di fans e critici.

La Gabaldon e Martin sono soprattutto legati da un vero legame d’amicizia e di stima reciproca (i due fanno colazione insieme a Santa Fe almeno una volta al mese – chi, come la sottoscritta, vorrebbe trasformarsi magicamente in una mosca per poter ascoltare cosa queste due menti sadiche si confidano a vicenda?) ed è per questo che non risulta assolutamente insolito che l’uomo a cui si deve “Game of Thrones” (HBO) abbia dedicato un intero post sul suo LiveJournal personale lodando “Outlander”, l’adattamento tv della Starz che si basa sulla saga della Gabaldon.

“Per tutti voi che vi state godendo OUTLANDER, il meraviglioso adattamento dei romanzi con viaggi nel tempo di Diana Gabaldon che ha appena concluso la sua prima stagione su STARZ… beh, lo show è fantastico, ma i libri sono anche meglio (come spesso accade)….”

Se non avete visto OUTLANDER, vi state perdendo una serie tv straordinaria. Splendida da guardare, e le performance dei tre attori principali sono eccezionali. Tobias Menzies, che ha interpretato Brutus in ROME della HOB e Edmure Tully in GAME OF THRONES, è specialmente degno di nota per un doppio ruolo. (Spero che saremo in grado di farlo ritornare, se e quando D&D decidano di ritornare nei territori delle Riverlands.)

(OUTLANDER “sembra” come un incrocio di dramma storico e avventura romantica, ma l’elemento del viaggio nel tempo sicuramente lo qualifica come fantascienza, o almeno fantasy, quindi è uno show che merita di essere ricordato il prossimo anno quando il momento delle nomination per gli Hugo Awards si presenterà nuovamente).

OUTLANDER viene girato in Scozia, GAME OF THRONES principalmente nell’Irlanda del Nord. Tra i due show, dubito ci sia un solo attore principale nelle isole britanniche che non abbiamo ancora usato. Cast grandiosi. Diana ha ottenuto 16 episodi per un libro, due metà stagioni ciascuna di 8 puntate, il che mi ha fatto digrignare i miei denti per invidia… fino a che non ho ricordato che OUTLANDER non ha draghi, direwolves (metalupo) o zombie di ghiaccio, e finora nemmeno una battaglia imponente. Anche se, se ricordo la mia storia, arriveranno…le battaglie, quelle sì, ma non i draghi.

Schermata 2015-06-05 alle 17.54.18

***Spoilers sul finale di Outlander a seguire***

Quando vediamo per la prima volta Jamie e Jack nel finale di stagione di Outlander, i due uomini sono nudi, a letto insieme come fosse il risveglio al mattino – anche se dallo sguardo sul volto di Jamie probabilmente non ha dormito per nulla. Dopo una lunga notte con la sua nemesi, [Jamie] appare devastato, distrutto e smarrito.

“Non volevo fare questo tipo di nudità fino a quando non avesse avuto un grande effetto”, ci ha detto l’attore Sam Heughan, che interpreta Jamie. “Speriamo che sia uno shock, piuttosto che qualcosa di piacevole da guardare. Ritrovarsi a dire ‘Oh mio Dio.. Cosa è successo a questa persona?”

“E’ così triste da guardare!” concorda Caitriona Balfe.

La scena d’apertura è stato progettata per sconvolgere quella parte del pubblico che, dopo la fine dell’episodio 15, forse sperava che qualcuno sarebbe arrivato a salvare Jamie prima che soffrisse ulteriormente.

“Un parte di loro [il pubblico] dicevano, ‘Oh, non succederà,’” lo showrunner Ron D. Moore ha detto. “‘Angus arriverò, volando su una corda o qualcosa del genere, ed tutto andrà bene.’”

E perché non dovremmo pensarlo? Non è successo per Claire, quando Black Jack stava per violentarla durante il cliffhanger di metà stagione? Tutti i tentativi di stupro nello show non sono stati evitati finora proprio all’ultimo momento? Eppure per tutto il tempo, Moore ha cercato di mettere in guardia chi non aveva letto i libri, che la stagione sarebbe stata più cupa e più brutale, per prepararli a questo momento.

“Non ci giriamo intorno”, ha detto Moore. “Questa è la storia. C’è un libro che stiamo seguendo, e questo fa parte della storia che è assolutamente necessaria per quel libro. Non c’è davvero alcun modo di non farlo. Si tratta di una situazione terribile e quindi deve essere orribile”

Lo stupro maschile è raramente rappresentato in televisione, tanto che avere non uno ma due lunghi episodi che tormentano il personaggio principale e che richiedono un intervento di recupero, è abbastanza innovativo.

…Continua »

posted by giu 5, 2015 • Filed in: Outlander, Ronald D. Moore, Sam Heughan, Stagione 1

Outlander 1x16

Diana Gabaldon ha pubblicato il libro “Outlander” nel 1991, il che significa i fans hanno aspettato 24 anni per prepararsi agli eventi che finalmente sono stati trasmessi in TV durante il finale della stagione 1 della serie Starz.
In ogni caso la lunga attesa non ha reso più facile guardare quelle scene.
“E’ roba intensa”, lo showrunner Ron Moore dice a Zap2it a proposito di “To Ransom a Man’s Soul”. Nell’episodio 1×16 i telespettatori hanno visto l’eroe Jamie Fraser (Sam Heughan) torturato emotivamente e sessualmente dal villain Black Jack Randall (Tobias Menzies), e poi lottare con le conseguenze di quegli eventi dopo essere stato salvato da sua moglie, il personaggio principale dello show, Claire (Caitriona Balfe).
Le scene tra Jamie e Black Jack – che sono state mostrate attraverso una serie di flashback che hanno fatto da parallelo all’episodio ben più felice “The Wedding” (diretto anche quello da Anna Foerster) – sono le più oscure che “Outlander” abbia mai mostrato. Sono anche le scene che le star Heughan e Menzies aspettavano da tutta la stagione.
“E’ un dono per un attore interpretare materiale del genere. E’ qualcosa di cui sono soddisfatto, e so anche Tobias”, dice Sam Heughan. “Onestamente è tra il lavoro più impegnativo, gratificante e intenso in cui mi sia mai cimentato. Sono orgoglioso di quello che abbiamo fatto”.
Il culmine oscuro della prima stagione di “Outlander” è iniziato nell’episodio 15 per poi estendersi nel finale. Moore si è assicurato di concedere alla regista Foerster, che ha diretto entrambi gli episodi, e alle sue star tempo extra per le prove così che tutte le persone coinvolte sentissero di trovarsi in un ambiente sicuro e accogliente. Quando finalmente arrivò il momento di filmare, Moore voleva che fossero “coraggiosi nella performance e sperimentando diverse cose” per finire con avere il migliore rifacimento della storia scritta dalla Gabaldon.

…Continua »

posted by giu 3, 2015 • Filed in: Caitriona Balfe, Sam Heughan, Stagione 1, Stagione 2, Tobias Menzies

Tobias Menzies si trova seduto nella hall di un hotel di Manhattan, conversando casualmente tanto che un passante potrebbe pensare che stia parlando del tempo e di una recente partita sportiva.

**Attenzione Spoilers: Non continuate se non avete visto il finale**

 “Io e Sam, sentivamo entrambi che non poteva essere solamente il fatto che io lo scop…si” – dice Menzies – “Non era abbastanza”

Sono alcuni mesi prima dell’intenso finale di Stagione – che è andato in onda Sabato su Starz – e l’attore ricorda le riprese dell’episodio conclusivo, che includono l’esplicito stupro da parte del suo personaggio [Black Jack Randall] nei confronti di Jamie Fraser, interpretato da Sam Heughan.

Schermata 2015-06-02 alle 19.04.23

In aggiunta alla violenza fisica perpetuata durante tutta l’ora dell’episodio, le manipolazioni mentali che Randall usa su un disorientato e ferito Jamie sono “la declamazione più completa che avete visto fino ad ora del sadismo di Jack” – Menzies dice – “E’ la tenerezza, la precisione, l’emozione e l’affetto di tutto questo, che lo rende ancora più agghiacciante”

[Tobias Menzies] aggiunge che i fugaci tocchi e sguardi amorevoli che Randall direzione verso la sua vittima – così come il rifiuto di contraccambiare di Jamie – è ciò che garantisce che questo incidente resterà con Jamie anche nella Stagione 2 e oltre. …Continua »

posted by giu 1, 2015 • Filed in: Outlander, Ronald D. Moore, Stagione 1, Stagione 2

 

10270342_847895155292519_8428142510447548486_n

Attenzione: l’articolo contiene spoilers sull’episodio finale.

Potranno anche essere scorsi i crediti sul brutale finale di stagione ma le conseguenze della violenza subita da Jamie Fraser “continueranno ad avere ripercussioni” rivela il produttore esecutivo della serie Ron Moore.

Se vi siete persi episodio, Moore si riferisce alla ripetuta violenza sessuale e tortura emotiva subita da Jamie per mano di Black Jack Randall, il quale viene, quest’ultimo, sistemato grazie al piano brillante di Murtagh ed è un gregge di mucche.

Anche se Claire sistema la mano di Jamie e cerca di alleviare i tormenti della sua mente “Le ripercussioni di tutto questo avranno eco nella seconda stagione, nella loro relazione, nel suo [di Jamie] sviluppo come personaggio e come affronta alcuni aspetti di questa storia” aggiunge Moore “Assolutamente”.

Quando TV Line ha parlato con il boss di Outlander riguardo l’impietoso episodio, abbiamo anche chiesto alcune anticipazioni per aiutarvi nella pausa che ci sarà da adesso fino alla stagione 2. Naturalmente abbiamo iniziato la discussione con una domanda sulla nudità (lo sapete che tanto volete saperlo…)

Outlander hai ricevuto molta attenzione mediatica per essere una delle poche serie disposta a mostrare la completa nudità maschile. Che cosa si cela dietro la scelta di farlo in questo episodio?

È stato principalmente una decisione che si compie durante l’editing. Mi ricordo che non mi importava molto se si mostrava o meno…andava bene in alcuni momenti ma se vedevo i loro peni in quest’altra inquadratura mi avrebbero potuto distrarre. Avrei potuto pensare “Oh guarda lo fanno vedere!” [Ride] E non era questa l’idea giusta.

Abbiamo lasciato soltanto un nudo frontale che è quello di Tobias Menzies. È quello dove lui si alza e poi si incammina. Non sta a significare nulla in quel momento. È una situazione molto calma. Si sta letteralmente alzando dal letto camminando verso l’altro lato della stanza. Non vi conduce fuori dalla scena, se questo [discorso] ha un senso per voi. Ci sono stati anche altri momenti in cui decidi “No, se uso questo angolo [di ripresa], non presterò nemmeno più ascolto” Penserei “Wow guarda”. Era la nota sbagliata per quelle scene.

…Continua »