Ron D. Moore parla di Lord John Grey nella Stagione 3 di Outlander


Outlander Lord John Grey

ATTENZIONE: Questo articolo contiene spoilers su “Voyager”, il romanzo su cui è basata la Stagione 3 di Outlander. Se non volete sapere, interrompete qui la vostra lettura. 

Se siete fans di Outlander/lettori in trepidante attesa di una cosa nella Stagione 3, con grande probabilità quella cosa è la scena della copisteria. E se siete fans di Outlander/lettori in trepidante attesa di due cose nella Stagione 3, la seconda probabilmente è l’arrivo di un adulto Lord John Grey.

Grey, inizialmente introdotto come un adolescente soldato Inglese sorpreso mentre cercava di attaccare Jamie e i suoi uomini nella Stagione 2, ricompare in “Voyager” (in italiano diviso in 2 volumi “Il Cerchio di Pietre” e “La Collina delle Fate”,n.d.r.) quando Jamie finisce nella prigione di Ardsmuir durante i 20 anni che vedono Jamie e Claire separati. Grey è il Governatore della prigione, e dopo aver capito che Fraser è l’uomo che ha tentato di uccidere (vanamente) anni prima, ha in seguito intrecciato un’improbabile amicizia con il prigioniero dai capelli rossi.

C’è anche la questione di non poco conto che Grey, in realtà, è un omosessuale non dichiarato e nutre dei sentimenti per Jamie – che lo Scozzese non ricambia –  un elemento costante che ritroviamo man mano i romanzi della Gabaldon continuano.

Continua a leggere “Ron D. Moore parla di Lord John Grey nella Stagione 3 di Outlander”


Intervista a Ron D. Moore post-finale Outlander 2: il destino di Jamie, le stagioni 3 e 4, Emmy Awards e ‘Game Of Thrones’


jamie voyager season 3

Dopo una splendida corsa durata 13 episodi che ha visto Outlander tra i salotti e gli intrighi della Parigi di Luigi XV nel diciottesimo secolo, la ribellione Giacobita e il ritorno nelle highlands Scozzesi, la serie Starz guidata da Caitriona Balfe e Sam Heughan ha concluso la sua seconda stagione con rinnovata speranza. Ha visto anche la morte di un personaggio di primo piano, rivelazioni in diverse epoche e un viaggio di ritorno al cerchio di pietre di Craigh na Dun dal 1968 al 1746 per la Claire di Balfe.

Come sanno i fans dei libri di Diana Gabaldon sui quali la sensuale serie tv Outlander è basata e come gli spettatori hanno scoperto nel finale di 90 minuti, il Jamie Fraser di Heughan non è morto per mano degli Inglesi durante la Battaglia di Culloden, ma il Capitano condottiero Dougal MacKenzie (Graham McTavish) ha incontrato la sua fine per mano di Jamie.

Immerso nella produzione della terza stagione dello show, il produttore esecutivo Ronal D. Moore ha parlato con Deadline in merito al finale della seconda stagione, creando un ciclo narrativo – adesso concluso – cambiandolo rispetto a quello del romanzo “Dragonfly in Amber” su cui è basato. Lo show non sarà al Comic Con quest’anno, ma l’ex produttore esecutivo di Battlestar Galactica ha discusso anche dell’adattamento del libro su cui sarà basata la prossima stagione, “Voyager” (diviso in italiano in “Il cerchio di pietre” e “La collina delle fate”, n.d.r.), che la Gabaldon ha scritto nel 1993, rispondendo inoltre alla domanda se l’autrice scriverà nuovamente una sceneggiatura per la serie tv. Moore ha delineato inoltre i piani per la stagione 4 da parte di Sony Pictures Television e Left Bank Pictures e se pensa che Outlander riuscirà ad ottenere delle nominations alla 68esima edizione degli Emmy Awards questa settimana (le nominations saranno annunciate giovedì 14 Luglio alle ore 17,30 italiane, n.d.r.).

DEADLINE: Il finale della Stagione 1 potrà essere stato più brutale, ma la conclusione di quest’anno sicuramente è risultata alla pari in termini di colpi di scena drammatici, specialmente l’uccisione di Dougal. Quale pensi sia stata la reazione dei fans?

MOORE: Se non hanno letto i libri, credo saranno sorpresi e scioccati dalla morte di Dougal MacKenzie perché è un grande personaggio e una forza potente. Specialmente dal momento che Colum (Gary Lewis) è morto nell’episodio precedente, si poteva pensare che ci sarebbe stata una lunga strada da percorrere con Dougal. Suppongo che il pubblico televisivo stesse ipotizzando che avremmo visto Dougal combattere fino alla morte a Culloden, vero? Sarebbe stato una delle figure principali in quella storyline, quindi penso sia stata una grande sorpresa.

Continua a leggere “Intervista a Ron D. Moore post-finale Outlander 2: il destino di Jamie, le stagioni 3 e 4, Emmy Awards e ‘Game Of Thrones’”


Ron D. Moore parla dello straziante finale di Stagione 2, di Roger e Bree e la Stagione 3


TV LINE hai intervistato il produttore esecutivo di Outlander, Ronald D Moore, in seguito agli eventi dello straziante finale di Stagione 2. In questa occasione ha parlato di Jamie e Claire, Roger e Bree ed ha accennato qualcosa anche alla prossima Stagione 3.

image

Attenzione: questo post contiene spoilers dal finale di stagione 2 e accenni alla stagione 3.

Raccontaci come avete condensato il resto del libro “Dragonfly in Amber” in questi ultimi 90 minuti.

RON: È derivato tutto dalla decisione di aprire la stagione negli anni 40 e da Jamie e Claire in viaggio in nave verso la Francia. Passare da quel momento al 1968 era un salto troppo grande per il pubblico televisivo.

Ho pensato, iniziamo un po’ più cronologicamente. Iniziamo dagli anni ’40. È già una cosa abbastanza  grande che Claire sia ritornata nel 20º secolo e abbia lasciato Jamie e sia incinta e che Culloden è stato un disastro, quindi iniziamo da lì.

Ma quando raccontare la storia del 1968? Ho pensato, “Recuperiamo a fine stagione e lo intervalliamo con gli ultimi  momenti di Jamie e Claire a Culloden e lui che la rimanda nel suo tempo.” È stata una scelta strutturale che abbiamo deciso all’inizio della stagione.

Avete visto molte persone per i ruoli di Roger e Bree e cos’è stato di Richard Rankin e Sophie Skelton che ha davvero fatto centro?

Abbiamo visto molte persone. È stata una decisione importante, perché questi personaggi diventano molto importanti e decisamente  una parte permanente della famiglia mentre la serie va avanti, quindi è stato più compleasso che fare il casting per un ruolo da guest star.

Hanno entrambi fatto centro. Abbiamo visto le loro audizione su video, e nello stesso modo in cui abbiamo visionato i video di Sam [Heughan] e Caitriona [Balfe] abbiamo detto, “Aspetta un momento, forse è questo che [loro] sono. Vedo il personaggio per la prima volta.” Dopo abbiamo fatto un test per la chimica dove avevamo Roger e Bree insieme in telecamera. Ed una volta che ha funzionato, ci siamo sentiti come se avessimo tutti i pezzi.”

Continua a leggere “Ron D. Moore parla dello straziante finale di Stagione 2, di Roger e Bree e la Stagione 3”


Tutto quello che sappiamo sulla Stagione 3 di Outlander


È un momento un po’ agrodolce per i fans di Outlander. Da una parte Sabato 9 luglio andrà in onda su Starz il finale della Stagione 2 da ben 90 minuti. Dall’altra parte una volta terminata la seconda stagione avrà inizio la lunga attesa per la Stagione 3.

image

Per aiutarvi a sopportare i prossimi mesi, il sito Zap2it ha messo insieme tutte le informazioni finora disponibili sulla Stagione 3, che dovrebbe andare in onda primavera 2017 sempre su Starz.

[Attenzione: Piccoli Spoilers sui libri a seguire]

Le Riprese Inizieranno Presto

Lo showrunner Ron Moore ha rivelato in un chat con i fans via Twitter che le riprese della Stagione 3, che si basa sul libro “Voyager” [ndr: in italiano diviso in “Il Cerchio di Pietre” e “La Collina delle Fate”] inizieranno “Fine Agosto/Inizi Settembre”.

Le Locations Sono Più O Meno Conosciute

” ‘Voyager’ è una sfida, una diversa, per la serie,” – ha detto Ron Moore – ” Fortunatamente la storia almeno inizia in Scozia così non dobbiamo spostarci subito in Francia come abbiamo fatto quest’anno. Ma so che non gireremo solo in Scozia – dobbiamo trovare una nave una vasca [d’acqua] le attrezzature ed il set e tutto quello che occorre per ricreare un viaggio in mare, perché c’è un lungo viaggio in mare nel libro. Navigano per i Caraibi, poi c’è un uragano e un naufragio.” Continua a leggere “Tutto quello che sappiamo sulla Stagione 3 di Outlander”


Il produttore esecutivo Ron Moore definisce il casting di Brianna “complicato”


image

Il casting di Brianna non è stata una passeggiata per i produttori di Outlander. Come se trovare i perfetti attori per interpretare Jamie e Claire non fosse stato abbastanza complicato, il produttore esecutivo Ronald D. Moore ha detto che è stato “difficile” trovare una ragazza che potesse sembrare la loro figlia. Lo stesso vale per Roger (Richard Rankin), l’uomo che alla fine diventerà l’interesse sentimentale di Brianna nel corso della saga.

“Sono ruoli molto complicati, specialmente quando stai facendo il casting per la figlia adulta dei due attori principali.” – Moore racconta a EW – “Vuoi poter vedere entrambi personaggi riflessi in lei [Brianna], ed è una sfida piuttosto grande in termini di chi sarà quell’attrice. Deve anche interpretare, letteralmente, la figlia di Claire nell’episodio 2×13. E deve avere una certa chimica con Roger. Anche se è molto presente in quell’episodio, non lo è altrettanto nella prossima stagione. I ruoli di Brianna e Roger crescono nel corso della saga. Ma inizialmente vedrete i due solo per brevi periodi di tempo. Quindi sì, tutte queste cose si aggiungono ad un complicato processo di ricerca della donna che debba combaciare con tutti questi parametri.”

Sophie Skelton, il nuovo arrivo della serie, attrice 22enne inglese, ammette come ci sia stata molta preoccupazione sulla sua apparizione inaugurale. La sua prima scena hanno dovuto rigirarla perché i suoi capelli appena tinti erano troppo mossi ed inappropriati per quel periodo.

Continua a leggere “Il produttore esecutivo Ron Moore definisce il casting di Brianna “complicato””


Ron D. Moore sul possibile distacco dai libri ed una sorpresa nel finale di Stagione 2


Bustle ha raggiunto il creatore e produttore di Outlander, Ron D. Moore, a pochi giorni dal rinnovo della serie per la Stagione 3 e 4, ed in questa occasione ha rivelato che ci sarà una sorpresa nel finale della Stagione 2 e che nel futuro inevitabilmente alcune storyline e personaggi prenderanno vita propria e potrebbero finire col distaccarsi dai libri.

image

Sul rinnovo per altre due stagioni:

“Ero molto emozionato, ne avevamo parlato  ed è grandioso;  è un gran gesto di fiducia. Generalmente le serie tv vengono rinnovate di stagione in stagione e di solito molto dopo che si è finito la produzione,  aspettano di vedere tutti i numeri di quella stagione. Essere rinnovati per due anni è enorme. Wow, credono fortemente nello show.  In primo luogo è una decisione puramente di business. Si controllano gli ascolti, i numeri e gli abbonati e si decide: Questo ci darà un beneficio? Se sì, come possiamo continuare?  Credo abbiano creduto nello show dal punto di vista creativo – perché può continuare ed i fans ci credono e gli spettatori lo stanno accettando.” – ha rivelato Ron Moore.

Sul possibile distacco dai libri

“Il nostro obiettivo è ancora quello di cercare di rimanere il più fedele possibile ai libri. È così che abbiamo iniziato il progetto. Credo che più avanti si vada e più la serie tv inevitabilmente divergerà dal libro ed alcune storie prenderanno vita propria.  Alcuni personaggi cambiano e tu devi seguire mentre lo fanno. Rupert e Angus non erano veramente così presenti nel libro come “coppia”, questo fa parte della nostra storia. Sarà sempre diverso rispetto a come era nel libro. La nostra versione di Frank è diversa rispetto al libro. Tutti questi cambiamenti vanno a sommarsi e più si va avanti e più queste separazioni [dal libro] diventano maggiori.

Continua a leggere “Ron D. Moore sul possibile distacco dai libri ed una sorpresa nel finale di Stagione 2”