Matt Roberts parla dell’episodio 2×09 “Je Suis Prest”, dei flashback di Claire e di potenziali spinoff

outlander jamie dougal 2x09

[ATTENZIONE: QUESTO ARTICOLO CONTIENE SPOILERS SULL’EPISODIO “JE SUIS PREST”]

In una piccola scena apparentemente priva d’importanza, Outlander ha introdotto la possibilità di un’intera nuova serie spinoff.

L’episodio trasmesso Sabato 4 Giugno ha presentato un personaggio importante della saga scritta da Diana Gabaldon, Lord John “William” Grey (Oscar Kennedy), quando un giovane esploratore dell’esercito Inglese ha visto i fuochi che ardevano nel luogo in cui era accampato l’esercito di Highlanders guidato da Jamie (Sam Heughan), e ha riconosciuto il famigerato “Red Jamie”. Grey ha tentato di uccidere Jamie mentre era da solo ma ovviamente Jamie l’ha sopraffatto. Una volta catturato, Claire (Caitriona Balfe) si è finta una prigioniera Inglese tenuta contro la propria volontà, sfruttando la compassione di Grey per “salvarle l’onore” in cambio d’informazioni sulla posizione delle truppe Britanniche. Jamie è stato al gioco e il loro inganno ha funzionato.

I fans dei libri sanno che Lord John diventa un personaggio sempre più importante nei libri successivi, nonché il personaggio protagonista della propria serie di libri spinoff, la serie Lord John. The Hollywood Reporter ha intervistato il produttore e scrittore dell’episodio “Je Suis Prest”, Matt Roberts, per parlare dell’introduzione di Lord John, del disturbo da stress post traumatico di Claire che ha ispirato flashback in tempo di guerra e molto altro ancora…

Congratulazioni per il recente rinnovo multi-stagione. Ti aspettavi che sarebbe successo o nutrivi qualche dubbio sulle probabilità che lo show potesse essere rinnovato?

Siamo rimasti entusiasti quando abbiamo ottenuto il rinnovo per 2 stagioni perché è stata una novità. Siamo molto eccitati. Da un punto di vista prettamente da addetti ai lavori, sì, sapevamo con certezza che avremmo fatto la stagione 3. Non abbiamo smesso di lavorare, siamo andati direttamente dalla stagione 2 alla stagione 3. Abbiamo proseguito con il lavoro nella Writers Room e alcune persone in Scozia hanno continuato la fase di preparazione per la prossima stagione. Outlander è uno show che richiede una produzione mostruosa, quindi se prendessimo delle vacanze normali, una pausa regolare come uno show normale, saremmo già indietro con i lavori. In questo modo i fans possono avere la stagione prima di quel che pensano. La “Droughtlander” (l’astinenza da Outlander, n.d.r.) non sarà lunga come si aspettano.

Nell’episodio di questa settimana, è stato interessante vedere come hai integrato i ricordi di Claire della Seconda Guerra Mondiale con l’addestramento dell’esercito Giacobita, e come ciò abbia fatto riemergere in Claire sentimenti legati al suo disturbo da stress post-traumatico. Cosa volevi trasmettere con quelle scene?

Nel libro, questa sezione per Claire era molto interiore. Ci pensava tanto. Aveva questo passato da infermiera durante la Seconda Guerra Mondiale che abbiamo visto nel primo episodio di Outlander. Quando stavamo “spezzando” questo episodio (suddividere l’episodio scena per scena, n.d.r.), abbiamo pensato che non sarebbe stato “fuori tema”, per così dire, se avessimo raccontato parte di quella storia, visto che in realtà sappiamo che tutto questo è accaduto. Quelle frasi sono presenti nei libri, solo in parti diverse. Volevo inserire, in qualche modo, tutti questi piccoli scambi e momenti provenienti da tutti i libri in un solo script, e così l’ho fatto tramite questi flashbacks.

Claire continuerà a soffrire di disturbo post traumatico da stress o Jamie l’ha aiutata a superarlo?

Non lo vedrete questa stagione. Potrebbe ricomparire in futuri episodi di future stagioni, ma non quest’anno. Quello che mi piace fare è mostrare che quando la nostra coppia sta insieme, loro risolvono i problemi mediante il loro legame. Brutte cose si verificano quando sono separati e belle cose accadono quando stanno insieme. Ma il problema di Jamie e Claire è che fisicamente, non possono stare sempre insieme. Molte volte vengono separati, situazione che abbiamo già visto spesso in questa stagione.

Lord John “William” Grey è stato introdotto in questo episodio, e sicuramente la sua è un’apparizione che resta impressa per via del debito di vita che deve a Jamie dopo che quest’ultimo gli ha risparmiato la vita. I lettori dei libri sanno che Lord John ha un ruolo importante da svolgere in futuro. Ci sono state delle discussioni riguardo ad una serie spinoff su Lord John per rispecchiare i libri?

Curiosamente, abbiamo sempre scherzato in merito a spinoff, sia si trattasse di Lord John o Black Jack [Tobias Menzies] o questo o quell’altro personaggio, perché c’è così tanto materiale a disposizione. [L’autrice] Diana [Gabaldon] ci ha dato così tanto nei libri che si potrebbero realizzare probabilmente 10 serie e i fans le guarderebbero tutte. Non ne abbiamo discusso seriamente, ma è qualcosa che spetta alla Starz da ordinare prima che potremmo iniziare a parlarne sul serio. Sappiamo esiste un’intera saga di libri che Diana ha scritto solo su quel personaggio, perciò è stato fantastico avere la sua introduzione nel mio script. Conoscendo cosa accadrà in Voyager (terzo libro della saga, diviso nella versione italiana in “Il Cerchio di Pietre” e “La Collina delle Fate”, n.d.r.), mi è piaciuta molto la dinamica tra Lord John e Jamie in quel libro. Aggiunge tanto ad Outlander avere quel genere di amicizia così singolare a cui loro due hanno dato vita. Avviare questo rapporto è stato un onore. Volevo restare il più fedele possibile ai libri, ma ci sono stati dei leggeri cambiamenti in quella scena.

Ad esempio?

Tutto è nato per via della storia del PTSD di Claire. Nel libro, Jamie inizia a strapparle il corpetto. La usa come espediente per estorcere informazioni a Lord John Grey. Ma quando stavamo scrivendo l’episodio, sentivamo che non andava bene per Jamie comportarsi in quel modo, dopo la scena precedente dove Claire sta avendo questa catarsi emotiva. In più, abbiamo anche fatto delle prove e i nostri corpetti sono talmente ben realizzati che nessuno di noi riusciva a strapparne uno. Quindi non poteva andare come descritto nel libro in ogni caso. Così Claire da a Jamie un piccolo cenno per suggerirgli di seguire quella strada, e volevo mantenere il tono del libro dove Jamie compie un passo troppo lungo, richiamando così la scena delle sculacciate nella prima stagione.

Alla fine dell’episodio, l’esercito di Jamie si unisce finalmente all’esercito di Prince Charles (Andrew Gower). Da dove riprende l’episodio della prossima settimana?

Il prossimo episodio è intitolato “Prestonpans”. L’episodio racchiude la Battaglia di Prestonpans. Integreremo Jamie e le sue truppe nel più grande esercito delle Highlands. Prince Charles ritorna e la prima metà è tutta incentrata su questi personaggi che cercano di fare a gara per avere una posizione con lui. Jamie è l’unica persona che non deve visto ha già l’appoggio di Bonnie Charlie. E attraverso la conoscenza di Claire, Jamie sa che vinceranno questa battaglia, quindi è un po’ più rilassato rispetto a quanto vi aspettereste di vedere nel caso di una persona che sta per andare a combattere. Cosa dobbiamo mostrare in “Prestonpans” è come vincono questa battaglia. Restiamo fedeli alla vera battaglia, è durata circa 8 minuti in totale e la mostriamo praticamente in tempo reale, per come è stata combattuta.

Questo episodio ha mostrato come Dougal (Graham McTavish) e Jamie siano in disaccordo su come meglio guidare l’esercito. Il loro conflitto di potere come degenererà proseguendo nella storia?

Sembrerà strano, Dougal deve percorrere una cammino più da subordinato per combattere. Sarà solo più avanti nella stagione quando uno dei nostri personaggi trapassa che Dougal sarà in grado di assumere il pieno controllo del clan MacKenzie. Nei prossimi episodi, Dougal deve ricoprire una posizione davvero insolita perché essere subordinato a Jamie costituisce una novità per lui. Non è mai stato totalmente al comando, il che era difficile per lui con Colum. E’ soltanto un semplice soldato adesso e questa è davvero la cosa che lo consuma.

 

Commenta via Facebook

Commenti

2 thoughts on “Matt Roberts parla dell’episodio 2×09 “Je Suis Prest”, dei flashback di Claire e di potenziali spinoff

  1. Bellissima prima puntata,mac’è un errore.Nei libri la mano rovinata di Jamie è la
    destra nella fiction la sinistra.Non mi sembra una cosa da poco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *